Giovedì 28 Maggio 2020 ore 23:31
LIBERATI

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Chi oggi festeggia la Liberazione non è comunista e non divide ma unisce
La Festa della Liberazione fu istituita nel 1949 da De Gasperi, il più anticomunista dei padri costituenti

Chi oggi festeggia la Liberazione, non è comunista, non deve essere di sinistra, non divide il Paese, piuttosto lo unisce, in modo democratico, punto. La Festa del 25 Aprile ha solo i colori del nostro tricolore, e combatte anche provvedimenti frutto di quel periodo da cui l'Italia si è distaccata con sofferenza ma civilmente, come le leggi razziali, prima ancora della guerra, prima di tutto il resto. Leggi quelle, che hanno diviso Italiani da Italiani, in modo ignobile, vergognoso, indifendibile, imperdonabile. Bambini espulsi da scuola perché ebrei. Basti questo. Leggi che simboleggiano ancora oggi divisioini assurde. Vorremmo poter sentire tutti i Partiti oggi al potere in Italia, celebrare non una Festa di parte, ma un momento eccezionale di democrazia, scevro da infiltrazioni di ogni propaganda.

Invece non solo i preconcetti, ma soprattutto i calcoli politici elettorali, ritraggono ancora tanti personaggi politici che non accettano gli errori del passato guardando oltre e condannano piuttosto tutte le forme di fascismo e comunismo. Ricordiamo che la Festa della Liberazione fu istituita nel 1949 da Alcide De Gasperi, il più anticomunista dei padri costituenti della Repubblica, questo basterebbe ad unirsi, tutti, alla celebrazione di oggi. E' chiaro che la Lega in primis, strizzando un occhio ai nazionalismi in Europa, Francia ed Ungheria, non riesce e non può fare i conti con un certo nostro passato. Conta solo fare il pieno dei voti. Europee, politiche, regionali che siano.

Frutto di questa politica equilibrista, la Lega mantiene un piede di qua e uno di là, senza prendere le distanze dalle ossidazioni del Fascismo. Il perché è sotto gli occhi di tutti quelli che accendono il cervello e non sfamano solo la pancia. Eppure, ancora una volta, l'uomo - nel suo piccolo essere meschino - tira e stiracchia a sé la Storia per i propri miseri fini egoisti. Viva la libertà democratica, libera appunto da ogni forma di tirannia, anche quelle mascherate da (false) democrazie.

Leggi anche:

 

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Continuano le iniziative per chiedere la liberazione dell'imprenditore pontino detenuto in Guinea
Un 25 aprile caratterizzato da aggressioni tra gruppi afferenti all'attuale politica e mancanza di rispetto per la memoria dei nostri morti
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]