Mercoledì 03 Giugno 2020 ore 12:15
22 MAGGIO - TRA MUSICA E POESIA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Roma, Auditorium Ennio Morricone presenta “Progetto Archilochus”
È una nuova tappa del Progetto Archilochus, che vuole ricreare la stretta unione di musica e poesia che era propria della antica cultura greca

La stagione di Roma Sinfonietta presso l’Università di Roma “Tor Vergata” Auditorium "Ennio Morricone". 

Si conclude mercoledì 22 maggio 2019 alle 18.00 con musiche di cinque compositori italiani contemporanei, ispirate alla poesia di Giacomo Leopardi.

È una nuova tappa del Progetto Archilochus, che vuole ricreare la stretta unione di musica e poesia che era propria della antica cultura greca.

Manuel Croci dirige l’Ensemble Roma Sinfonietta, con la partecipazione dell’attore Massimo Venturiello e di Giulio Ferroni, professore emerito di letteratura italiana all’Università “Sapienza”.

Cinque sono i compositori e quattro le composizioni.

Giovanni Costantini e Marcello Filotei sono infatti i due autori di “Fugaci riflessi”, i cui protagonisti sono il clarinetto e il suo alter ego elettronico.

Domenico Turi ha composto “Aspasia” per violino e violoncello, "un piccolo omaggio alla celebre poesia leopardiana dedicata all'amore, un amore struggente, lacerante, ai imiti del delirio e dell'illusione", come la definisce l’autore stesso.

Giovanni Guaccero ha fatto una scelta di versi di Leopardi per il suo brano “Memoria del canto” per flauto, clarinetto, chitarra elettrica, violino, violoncello, e voce recitante.

Antonio Di Pofi ha scelto tre dei “Canti” di Leopardi per "Alla luna", melologo per voce recitante, flauto, clarinetto, chitarra, violino, violoncello e percussioni.

Tutti i brani, composti espressamente per il Progetto Archilochus, sono in prima esecuzione assoluta.

Massimo Venturiello

legge   Leopardi

Direttore Manfred Croci

Ensemble Roma Sinfonietta

Lettura critica del

Prof. Giulio Ferroni

Domenico Turi: Aspasia

Giovanni Guaccero: Memoria del canto

Giovanni Costantini – Marcello Filotei: Fugaci riflessi

Antonio Di Pofi: Alla luna

Auditorium "Ennio Morricone", Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1

Ufficio stampa dell’Associazione Roma Sinfonietta:

Mauro Mariani

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
l concerto si apre col più popolare e amato compositore russo, Pëtr Il'ič Čajkovskij, di cui si ascolteranno l’incantevole Dumka
Alessandro Carbonare, primo clarinetto solista dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma e precedentemente dell’Orchestre National de France
Le due ouverture furono scritte come introduzione a due grandi tragedie: il Coriolano di Shakespeare rielaborato da un poeta tedesco oggi dimenticato e l’Egmont di Goethe
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]