Domenica 31 Maggio 2020 ore 00:20
PERICOLO EMULAZIONE

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Frosinone, suicidio al Multipiano: ragazzo 25enne si lancia nel vuoto
Poco prima il ragazzo aveva scritto un messaggio alla madre in cui palesava l'intenzione di farla finita

Di nuovo una morte nel parcheggio Multipiano di Frosinone, in viale Mazzini. Ad appena 10 giorni dall'incidente in cui ha perso la vita il 19enne rapper di Torrice, un altro giovane è morto precipitando dall'ultimo piano della struttura, ma questa volta non si è trattato dell'esito fatale di un gioco pericoloso, bensì di un suicidio.

Poco dopo le 22 di ieri sera (22 maggio, ndr), un ragazzo di 25 anni, residente a Frosinone alta, è salito all'ultimo piano del parcheggio (confinante con via Ciamarra) e si è lanciato nel vuoto, un volo di 20 metri circa che ha annientato la possibilità di rimanere in vita.

La vittima era uscito con degli amici, dai quali si era poi separato per tornare a casa, dove viveva con la famiglia, ma invece di far ritorno in famiglia, ha preso la strada per il Parcheggio Multipiano, è salito all'ultimo piano, e si è lasciato cadere giù. Poco prima il ragazzo aveva scritto un messaggio alla madre in cui palesava l'intenzione di farla finita.

Il corpo del giovane è stato visto da un automobilista che ha subito lanciato l'allarme. I soccorsi sanitari giunti sul posto insieme con i Vigili del Fuoco e i Carabinieri, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 25enne.

I Carabinieri stanno interrogando gli amici della vittima per risalire ad eventuali motivi che lo hanno spinto a togliersi la vita. Una vita non facile, quella del ragazzo suicida, con qualche problema di droga, che forse - riporta "Il Messaggero" - non era riuscito a superare, e disturbava la sua esistenza.

La notizia si è sparsa rapidamente nella città di Frosinone. Il sindaco, Nicola Ottaviani ha commentato il triste fatto: "L’effetto emulazione è pericoloso. Dobbiamo alzare la guardia e vigilare di più".  

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
Morire di ictus a 17 anni per un succhiotto sul collo regalatogli dalla sua fidanzata poche ora prima del decesso
La vittima era un appassionato di musica rap (ha inciso un album pubblicato su Spotify con il nome d'arte "Blind Laugh") e di Parkour
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]