Domenica 31 Maggio 2020 ore 00:34
COLOSSO AMERICANO

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Amazon in carcere. Detenuti di Roma e Torino lavoreranno per il colosso
Il colosso americano ha firmato un accordo con le case circondariali di Le Vallette e di Rebibbia

Amazon arriva anche tra le mura del carcere. Il colosso americano fondato da Jeff Bezos ha infatti firmato un accordo con le case circondariali di Le Vallette, a Torino, e di Rebibbia, a Roma. Ad annunciare l'intesa è stato proprio il direttore del penitenziario piemontese, Domenico Minervini. Il patto prevede che alcuni detenuti vengano impiegati come magazzinieri e supporto alla logistica sia a Torino sia a Roma."Si tratta di un importante accordo, con un'azienda internazionale e seria" , ha spiegato a Repubblica Minervini. Nel carcere di Torino saranno messi al lavoro per Amazon una decina di detenuti, che svolgeranno le proprie mansioni in un capannone. I detenuti saranno retribuiti ma ancora non è chiaro a quanto ammonterà il compenso e chi farà effettivamente parte del progetto.

LEGGI ANCHE:

Regione Lazio, autorizzato l'iter dei concorsi per i primari U.O.C.

Farnese (Viterbo), 94enne cade giù dalla finestra di una casa di riposo

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
A partire da oggi sono aperte le posizioni manageriali; per queste figure professionali è previsto un salario d'ingresso pari a 1.550,00 euro lordi
L'ultima lettera lasciata da Michele, suicida per colpa dei bulli, commuove l'Italia. Parole fortissime, quelle del ragazzo, prima del tragico addio
Al Teatro Golden di Roma è andata in scena "La fine all'alba" della compagnia stabile Assai fatta da detenuti
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]