Venerdì 29 Maggio 2020 ore 15:42
IL VOTO A PALAZZO MADAMA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Crisi di governo, mozione di sfiducia a Conte in Parlamento il 20 e il 21 agosto
Respinta dal Senato l'ipotesi di discutere domani la sfiducia al premier

La mozione di sfiducia al presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà votata in Senato martedì 20 agosto alle ore 15. L'Aula di Palazzo Madama ha infatti respinto le mozioni presentate da Annamaria Bernini di Forza Italia, Massimiliano Romeo della Lega e Ignazio La Russa di Fratelli d'Italia che chiedevano di anticipare il voto a domani.

 

Governo, la mozione di sfiducia a Conte al Senato il 20 e alla Camera 21 agosto

Prevale quindi l'asse composto da Movimento 5 Stelle, Partito Democratico e Liberi e Uguali. Nel dibattito al Senato ha preso la parola Matteo Salvini: "L'Italia vuole avere certezze e cosa c'è di più bello, democratico, trasparente, lineare, dignitoso che dare la parola al popolo. Cosa c'è di più bello. Non capisco la paura, il terrore, la disperazione". Poi l'apertura ai grillini: "Raccolgo l'invito di Di Maio: la Lega voterà per anticipare il voto sul taglio dei parlamentari, 345 in meno la settimana prossima, e poi si va immediatamente a votare. Affare fatto, noi ci siamo".

 

Crisi di governo, stabilite le date per il voto sulla mozione di sfiducia al premier Giuseppe Conte 

"Voglio darvi una buona notizia - ha scritto su Facebook il capo politico del M5S -, dopo le proteste dei cittadini nelle piazze e sui social la lega ha ceduto sul taglio dei parlamentari, una riforma del Movimento 5 stelle e che il paese aspetta da anni. Settimana prossima tagliamo 345 parlamentari". Intanto la conferenza dei capigruppo alla Camera ha stabilito che il premier Conte sarà a Montecitorio per la sfiducia mercoledì 21 agosto alle ore 11,30.

 

Leggi anche:

Voto subito o nuovo Governo mentre le parole dei leader infiammano gli elettori

E se alla fine non si tornasse alle urne?

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
"Un discorso suicida, offensivo, dilettantesco, di un non presidente del consiglio che non è in grado di governare la crisi, ma la sente come un insulto personale"
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
"Mi recherò dal presidente della Repubblica per comunicare la fine dell'esperienza di governo e rassegnare nelle sue mani le dimissioni da presidente del consiglio"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]