Giovedì 04 Giugno 2020 ore 19:39
VOCABOLARI

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

L'odierno lessico della politica: scadente e becero
I nuovi schieramenti e le inedite alleanze stanno producendo termini che poco si confanno alla sacralità delle Istituzioni: poltronaro, inciucio, imbroglio, golpe, Papeete. Per dirne solo alcuni

I padri costittuenti non sarebbero stati contenti. Anzi sarebbero inorriditi. Ogno popolo ha il governo che si merita e anche i termini. Il livello della politica italiana può essere misurato anche con le espressioni che maggiormente vengono usate dai leader. Dal vaffa di Grillo è iniziato il  tracollo della lingua italiana nelle aule parlamentari. 

La legittimità costituzionale dei governi è garantita anche dal Presidente della Repubblica, purtroppo però nessuno è in grado di controllare il modo in cui i politici italiani si esprimono in questi utimi tempi. Dall'inciucio, al golpe, dal poltronaro al Papeete ( ma sicuramente ne dimentichiamo tante altre). Tutte parole che esprimono una pochezza culturale e un'involuzione della politica.

Le ideologie hanno fatto il loro corso, certo, e allora avanti con i colori e con alleanze policromatiche  al posto della tradizionale destra o sinistra.I governi non sono più riconosciuti in base allo schieramento o al nunero di partiti che formano l'esecutivo, ma alla tavolozza. Per cui parliamo di un consiglio dei ministri gialloverde o giallorosso. Come allo stadio. 

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Chiusi dai militari i ponti sul Bosforo
Caro Sindaco, ormai sono diversi mesi che Lei e la sua giunta siete al governo della nostra città ...
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]