Martedì 26 Maggio 2020 ore 15:22
RETROMARCIA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

E l'Alto Adige mormorò: non passa lo straniero
La proposta di usare solo Südtirol è stata bloccata. Il governatore Arno Kompatscher torna sui suoi passi. "Sì ho sbagliato, dobbiamo ripartire tutti insieme ora"

La polemica era cominciata qualche giorno fa. Le parole Alto Adige e altoatesino erano state cancellate per legge. L'unica dizione in lingua italiana da utilizzare per indicare la terra di confine più a nord d'Italia sarà sarebbe stata "Provincia di Bolzano". Restava invece invariato il vocabolo in lingua tedesca, Südtirol. Ecco però che il governatore Arno Kompatscher torna sui suoi passi. "Sì ho sbagliato, dobbiamo ripartire tutti insieme ora".

E' bene ricordare che il provvedimento era stato approvato con 24 sì (Suedtiroler Volkspartei, Suedtiroler Freiheit e Freiheitlichen), un no (quello di L'Alto Adige nel cuore-Fratelli d'Italia) e 5 astensioni (tra PD, Verdi, Lega, Team Koellensperger), proprio in merito alle "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi della Provincia autonoma di Bolzano derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea".

 

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Si potranno utilizzare solo i termini "provincia di Bolzano" o "Südtirol". Lo ha deciso il Consiglio provinciale con 24 sì e un no. Il Pd si è astenuto
Si dice che il Natale sia da trascorrere in famiglia, ma se si riesce a fare un viaggio a Bolzano durante il periodo delle feste si resta incantati
Theodor Falser è il cerimoniere del Johannesstube, il ristorante gourmet stellato, all’interno dell’Hotel Engel
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]