Venerdì 29 Maggio 2020 ore 16:29
LA SALUTE IN ITALIA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Bambino Gesù e Servizio Sanitario, tra grandi disagi e straordinarie eccellenze
Se ti ammali negli Usa e non hai l'assicurazione, puoi anche morire senza cure

La notizia è una di quelle che ti apre il cuore: all'ospedale pediatrico romano Bambino Gesù, per restituire il respiro ad un bambino di 5 anni in gravi difficoltà, gli è stato impiantato un “bronco” riassorbibile, stampato in 3D. Un intervento sperimentale, eccezionale, mai realizzato in Europa. Il bambino ora respira autonomamente grazie a questa operazione e a questo gruppo di medici straordinari, che ci fa ben sperare, ma anche riflettere su chi spara alzo zero sul nostro tanto bistrattato sistema sanitario.

Il Servizio Sanitario Nazionale, grave snodo dell'economia italiana, grande bacino di discussioni, di sprechi, di cattivi esempi ma anche di grandi eccellenze, come questa di cui parliamo.  Mi trovo sempre più frequentemente ad utilizzarlo per me, per i miei parenti, e sempre più spesso a doverlo difendere dagli attacchi pedestri della gente comune o di politici disinformati o abitati da cattiva coscienza. Lo difendo anche se ne riconosco i limiti e le anomalie, comprese le frequenti disfunzioni che ogni giorno arrivano con le notizie, lo difendo anche se sono stato vittima, come molti, di attese bibliche nei pronto soccorso, o per l'aver passato una notte e un giorno in un corridoio sopra una scomoda barella, in attesa di avere un letto che non arrivava mai.

Un bellissimo articolo della nostra Costituzione, il 32, sancisce il diritto alla salute di tutti gli individui, finanziato dallo Stato, con un carattere universalistico che  garantisce l'assistenza sanitaria a tutti i cittadini che ne hanno bisogno. Appena una quindicina di anni fa l' OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, giudicò il nostro come il miglior sistema sanitario del mondo, subito dopo la Francia, che ci sopravanzava per poco. Purtroppo negli anni la bontà del nostro servizio sanitario è andata calando e questo non ostante le eccellenze che sono il nostro fiore all'occhiello, e grazie soprattutto agli uomini che le mandano avanti con fatica ed abnegazione, a volte con pochi mezzi, nel rispetto della salute e della vita di tutti, ricchi o poveri che siano.

La mia recente esperienza e testimonianza diretta sono due anziani della mia famiglia, uno vittima di due gravi ictus, l'altro con una valvola aortica ormai seriamente calcificata, che sono stati eccellentemente curati e salvati da medici e strutture di pubblica sanità, senza pagare un euro e trattati come principi. Cosa si può dire, perché spesso funziona e a volte, tante volte no? Diciamo che bisogna aver fortuna anche in questi casi, che non tutte le regioni hanno una sanità di qualità, che ci sono spesso troppi sprechi. Lo sappiamo bene, non siamo ingenui. Spesso le notizie di malasanità campeggiano sui telegiornali con le loro storie tragiche, e  viene in mente che mai o quasi mai si riportano notizie riguardo la buona sanità. Ci piacerebbe ogni tanto ascoltare anche: “ Oggi il signor Mario è uscito dal San Giovanni guarito, dopo un mese di cure amorevoli ed è tornato a casa dalla sua famiglia!” E invece arrivano solo notizie cattive, come se quelle buone non fossero notizie. Sembra un po' la storia  del cane che morde il padrone (chi se ne frega? nessuno la pubblica) e invece quella del padrone che morde il cane (notizia... succulenta!).

Non dimentichiamoci, infine, di come funziona negli altri paesi: negli Stati Uniti, ad esempio, non ostante l'ex presidente Obama  firmò nel 2010 la legge di riforma sanitaria, che prevedeva l'aumento di 32 milioni di persone tutelate dal sistema sanitario, provate ad ammalarvi a New York o a San Francisco. Anche se state esalando l'ultimo respiro, vi chiedono prima se avete l'assicurazione sanitaria, in caso contrario la vostra salute e la vostra vita sembra non riguardare loro, e quell'ultimo respiro, statene certi, ve lo lasciano esalare senza alcun aiuto.

 

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
"Il Cobas esprime la totale solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori che vedono minacciate le loro già precarie condizioni di vita e di lavoro"
E' accaduto in via Quinqueremi mentre attraversava la strada. Il conducente dell'auto si è fermato ed è sotto shock
Domenica 14 dicembre presso la sala del Convento si è conclusa l’attività annuale del GDSA
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]