Mercoledì 03 Giugno 2020 ore 01:14
NUOVE ABITUDINI

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Coronavirus: niente abbracci e strette di mano e in campo solo marcatura a zona
Il ridicolo vuole che i nostri governanti obblighino persino le squadre a scendere in campo seguendo marcature a zona...

Il Governo si affida agli scienziati. Un comitato di tecnici super partes, un esperto team di virologi che indicherà al popolo bue, la strada da seguire per evitare contagi e affollamenti di reparti di terapia intensiva ormai al collasso. Questi sono i tempi del coronavirus. Un metro di distanza al cinema, a teatro, in piazza come al bar e persino a letto tra marito e moglie. Sessantacinquenni a casa a vedere la televisione, zitti e mosca. Il vademecum recita che è fondamentale mettersi al riparo dalle goccioline con cui si propaga il virus. Quindi occhio a sternuti e a chi sputa per strada. Va da sé, con questi rigidi avvertimenti crolla pure la calda e affettuosa italica abitudine di baciarsi anche se non ci si conosce; abolita pure la stretta di mano a cui presto farà seguito il vecchio ma sempre attuale saluto romano: più salutare e autorevole.

A seguire, scuole chiuse, almeno fino al 15 marzo. E proprio Gennaro, il napoletano di Whatsupp che vi regala il tampone falso per mettervi al riparo da rotture di palle di mogli e madri, segnala che i decessi per infarto di quest'ultime - proprio a causa della notizia last minute chiusura delle scuole, avrebbe superato già quelli del virus stesso. Per finire, calcio a porte chiuse, con anessi e connessi: divieto di scambio di asciugamani tra atleti, come pure di indumenti o fazzoletti; di bere dalla stessa bottiglia e di non toccarsi. Vedremo Ronaldo e Lukaku correre coi guanti e la mascherina.

Il ridicolo vuole che i nostri governanti obblighino persino le squadre a scendere in campo seguendo marcature a zona e vietando in tal modo il categorico ed asfissiante sistema uomo a uomo con clamorose ammucchiate in area di rigore durante i calci piazzati, strattonamenti e fiumi di pericolose goccioline che menano il can per per l'aia. Ma a ciò essi non arrivano e lasciano che metro e bus continuino a correre quasi ovunque, stracolmi.

In questo clima di ansia e terrore, sarà finalmente un libero e rispettoso calcio spettacolo a distrarci dagli eventi, come irrispettoso spettacolo ormai è tutto quello che ci circonda.

 

Decreto coronavirus, obbligo segnalare soggiorni in zone a rischio dopo il 20/02

Coronavirus: Ma il rischio è reale? C'è il pericolo caduta libera per l'Italia

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
In 17 punti il protocollo che il WHO, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, consiglia di utilizzare in questi casi
Il centrocampista e altri testimonial d'eccezione protagonisti di una campagna pubblicitaria dell'Adidas. E' polemica
Non c’è ideologia, modo di pensare o bandiera che tenga: qui il problema è il rispetto. Che non c’è più...
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]