Domenica 07 Giugno 2020 ore 10:55
DANNEGGIAVANO CITTADINI E IMPRESE IN CRISI

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Ladispoli (Rm), DIA sequestra beni per 30 mln a tre usurai del posto
Indagati tre individui per usura e gioco d'azzardo aggravato

Il Centro Operativo Dia di Roma ha confiscato definitivamente, su disposizione della Cassazione, beni per oltre 30 milioni di euro a tre individui tutti di Ladispoli (Roma), arrestati nel 2015 per usura ed esercizio del gioco d’azzardo aggravato.
Le indagini, condotte dalla Direzione investigativa antimafia tra il 2014 e il 2015, avevano accertato la loro responsabilita’ nell’ideazione e nella gestione di un articolato sistema di usura ai danni di cittadini ed imprenditori locali in crisi economica, molti dei quali col vizio del gioco d’azzardo. Il sodalizio operava attraverso metodiche ben rodate, finalizzate alla concessione di prestiti a tasso usuraio, con interessi annuali che in alcuni casi raggiungevano il 120%, per un giro d’affari di centinaia di migliaia di euro.
Dopo il sequestro operato nel 2016, il decreto emesso dal Tribunale di Roma su proposta del direttore della Dia, sulla base di una evidente sproporzione tra i redditi dichiarati e i beni effettivamente posseduti dai tre, ha consentito di acquisire definitivamente allo Stato il loro ingente patrimonio.

Leggi anche: 

Coronavirus. Valmontone, denunciate due ragazze venute a incontrare amici

Colleferro. CC lo fermano per controllo, lui fugge, poi da generalità false

 

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]