Venerdì 29 Maggio 2020 ore 15:51
CRONACA ROMA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Roma sotto attacco straniero: capitale della criminalità!
Da Stati Uniti, Francia, Germania e Inghilterra appelli e consigli ai turisti per evitare di essere derubati

Tutti all'attacco di Roma. Da Stati Uniti, Francia, Germania e Inghilterra si levano concordemente appelli e consigli ai turisti per evitare di essere derubati nella nostra capitale.

In America si scende nel dettaglio con l'indicazione delle zone più a rischio, come la stazione Termini, il Colosseo, Campo dei Fiori e Piazza Navona. 

In Germania vengono menzionate addirittura le tecniche più frequenti per rapinare i turisti. Ad esempio le spinte nei luoghi affollati e il trucchetto della gomma a terra. In quanto alle zone rosse si fa riferimento, in particolare, alle stazioni ferroviarie.

In Francia nel mirino soprattutto i mezzi pubblici. Dall'ormai nota linea 64 degli autobus alla metro A, meglio tenere sempre d'occhio il portafogli. Ma non è più sicuro il mezzo provato con i finestrini della propria auto che devono sempre restare chiusi. Nella speranza che la vettura, almeno d'estate, sia dotata di aria condizionata.

Questi e altri consigli assumono i crismi dell'ufficialità, trovandosi sui siti dei Ministeri degli esteri statunitense, francese e tedesco. Non è da meno l'Inghilterra che non perde occasione di ricordare ai propri connazionali i rischi di una vacanza in Italia.

Roma bella e impossibile. All'estero la vedono così.

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Ignazio Marino: "Londra è più pericolosa"
Leonardo Cimino, un criminale dimenticato a torto, fu un apripista, il grimaldello della malavita per "forzare" Roma
Nella centralissima Via Cavour a un maldestro borseggiatore è sembrata una giovane turista
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]