Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Luglio 2020

Pubblicato il

Valmontone, Egidio Calvano: 6 anni dalla scomparsa, ma presente nella memoria

di Manuel Mancini

Sono trascorsi sei anni dalla scomparsa di Egidio Calvano, sindaco di Valmontone nei primi anni ’90 e dal 2011 al 2012

Sono trascorsi sei anni dalla scomparsa di Egidio Calvano, sindaco di Valmontone nei primi anni ’90, per pochi mesi, e dal 2011 al 2012; Egidio è stato un esponente di spicco della politica locale: presso il Comune di Valmontone ha ricoperto diverse cariche assessorili ed è stato Consigliere comunale per oltre vent’anni.  Calvano, uomo dal tono conciliante e dai modi cortesi. Tanti valmontonesi, amici e conoscenti, in questa giornata hanno un pensiero per Egidio, c’è chi lo manifesta sui social, chi al bar, chi in piazza.

Quel triste 22 ottobre 2013, appresa la notizia, il Sindaco Alberto Latini proclamò il lutto cittadino: “La notizia di stamattina, dell’improvvisa scomparsa di Egidio Calvano, mi addolora non solo perché, ancora giovane, viene a mancare all’affetto dei proprio cari un uomo, un marito e un padre di famiglia ma per il sentimento di amicizia che mi legava a lui e per il vuoto che lascia nella scena politica valmontonese. Al di là delle posizioni a volte vicine altre più distanti, ho condiviso con Egidio un percorso importante della mia vita che, nel 2007, mi ha portato ad impegnarmi in prima persona all’interno dell’Amministrazione comunale”.  

Oggi c’è chi lo ricorda come “Un grande uomo, giusto e dal cuore aperto a tutti, attento soprattutto ai più deboli ai più bisognosi”, come Luciano. Massimiliano ricorda di Egidio che “ha lavorato sempre con forza, entusiasmo e passione per migliorare la sua città. Ha sempre consigliato e insegnato molto e a tutti; scherzava, rideva e stringeva la mano a tutti in segno di rispetto”. Poi ancora, Daniele: “Egidio Calvano era un uomo buono, disponibile e sempre pronto a dare quella solidarietà a quanti si avvicinavano, un amico di tutti ci ha sconvolto e non abbiamo mai dimenticato da questa triste notizia”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi