Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2021

Pubblicato il

Valmontone, in salvo a nuoto dall’auto sommersa

di Redazione
Latini: “Episodio inaccettabile per una strada costata quasi 20 milioni di euro appena 10 anni fa”

“Non è tollerabile che, a soli 10 anni dalla sua realizzazione, una strada che dovrebbe essere stata costruita con tecnologie moderne e con grande dispendio di denaro pubblico possa presentare situazioni di una simile pericolosità. Sono sconcertato da quanto accaduto al sottopasso di via della Pace e ho subito dato mandato agli uffici di verificare se quest’opera, costata circa 20 milioni di euro per servire il Polo turistico integrato (Fashion district e parco divertimenti), sia stata fatta a regola d’arte o, invece, quei soldi non siano stati gestiti con leggerezza e superficialità. Come sappiamo l’appalto subì diverse vicende travagliate, di cui ne scontiamo ancora gli effetti, ma non posso accettare che per le negligenze di qualcuno sia messa a rischio l’incolumità dei cittadini”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lo dichiara il sindaco di Valmontone, Alberto Latini, dinanzi all’incredibile episodio che, a causa della pioggia dei giorni scorsi, ha visto tre ragazze (due di Valmontone e una di Labico), rischiare la vita finendo con l’auto completamente sommersa da un allagamento di circa 150 centimetri nel sottopasso che dal polo turistico integrato conduce sulla via Casilina, verso Colleferro.
“Non intendo in alcun modo – sottolinea il sindaco Latini – lasciare che quanto accaduto possa archiviarsi in fretta soltanto come ‘un brutto episodio’. Quell’opera, in quel tratto, presenta un grave vizio originale visto che il sottopasso è stato realizzato su una falda acquifera che, anche in condizioni di sereno, costringe due pompe ad allontanare di continuo l’acqua che tende a ristagnare. In occasioni di piogge copiose, purtroppo, il fenomeno aumenta a dismisura ed ho incaricato gli uffici di rivedere tutti gli atti, ivi compreso il collaudo eseguito sull’opera. L’altro giorno poteva succedere qualcosa di molto brutto ed è giunto il momento di fare chiarezza, una volta per tutte, e vedere in che modo, a dieci anni da quello scempio, il Comune possa intervenire a tutela del’incolumità dei cittadini e dei soldi della collettività”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?