Vuoi la tua pubblicità qui?
21 Ottobre 2020

Pubblicato il

Valmontone, presentata la lista Libera Valmontone

di Luca Vergovich

Il candidato a Sindaco è Alberto Latini

Alla presenza di un folto pubblico e dei consiglieri regionali Fabio Bellini, Gianluca Quadrana e Marco Vincenzi, Alberto Latini ha presentato la sua candidatura con la lista civica “Libera Valmontone” che lo vede candidato a sindaco della città di Valmontone.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Le altre due liste che competeranno alla sfida vedono Piero Attiani e Francesco Giuseppe Colucci come gli altri due candidati a sindaco.
Quest’ultimo nome nasce da una scissione del centrosinistra che si è opposta alle primarie e che vedevano Alberto Latini come papabile alla vittoria per l’alto numero di consensi che aveva anche ricevuto nelle ultime elezioni: è stato il consigliere eletto con più alto numero di preferenze.

Era emozionato, Alberto Latini, nel suo intervento di apertura, che ha condotto con convinzione e breviloquenza; l’essenziale per far capire di che pasta è fatto.
Alberto Latini è stato consigliere comunale nella passata legislatura all’opposizione quando il centrosinistra candidò il dott. Roberto Viganò sindaco, elezioni poi vinte dall’ex sindaco Egidio Calvano sfiduciato nella passata amministrazione.
Pone al centro della sua campagna elettorale la famiglia, che ha voluto raffigurare anche nel suo simbolo, e si oppone con coraggio alle grandi lobby valmontonesi, per risolvere i problemi della cosa pubblica e delle famiglie che deve essere gestita con rapidità ed efficacia.

Ricorda che l’amministrazione Angelucci fece arrivare tre importanti finanziamenti: quelli regionali di 529.000 euro per il cinema Totò, 160.000 euro per il cimitero e 175.000 euro per la pubblica illuminazione, mai utilizzati perché andati in prescrizione dopo 24 mesi e quindi andati perduti. Latini, si impegna, attraverso l’ausilio dei suoi amici consiglieri regionali di recuperarli.

L’ultimo appello lo fa agli elettori di appoggiarlo nel suo progetto “Libera Valmontone”, cioè quello di liberare tutti insieme la città dagli interessi di parte.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento