27 Ottobre 2021

Pubblicato il

Dramma e sconcerto

Velletri, femminicidio-suicidio. Ex carabiniere uccide la moglie e si lancia dal terzo piano

di Livia Maccaroni
Paolo Ianniello era un ex Carabiniere in pensione e soffriva di depressione. Sono in corso le indagini per ricostruire la dinamica dei fatti
trevignano romano duplice omicidio
Carabinieri, Scientifica

Dramma e sconcerto a Velletri, segnata dalla terribile tragedia consumatasi in Via Giacomo Matteotti. Ieri, sabato 2 ottobre, l’ex Carabiniere in pensione, Paolo Ianniello, si è gettato dalla finestra. Ma prima di andarsene ha ucciso la moglie. L’omicidio-suicidio è avvenuto poco dopo le 10:00 quando alcuni testimoni hanno visto l’uomo, 72 anni, ex carabiniere in pensione, scavalcare lo stipite della finestra e finire sull’asfalto. Poco prima la vittima aveva aperto la finestra al terzo piano della sua abitazione in via Matteotti e si era lasciato cadere.

La scoperta dei due cadaveri

Immediato l’allarme dato dai vicini di casa, che si sono precipitati in strada per capire cosa stesse accadendo. Quando i sanitari del 118 sono giunti sul posto hanno provato a rianimare Paolo. Poi la folle corsa dell’ambulanza verso l’ospedale, ma era già troppo tardi e l’anziano è morto poco dopo essere arrivato in pronto soccorso. I carabinieri della compagnia di Velletri e del Nucleo investigativo di Frascati, nel frattempo, sono saliti al terzo piano, per effettuare i rilievi di rito e per capire se in casa del 72enne ci fosse qualcuno che potesse dare un senso a quel suicidio. Ma lì si sono trovati davanti a un’immagine agghiacciante. Sull’ingresso di casa, alla fine di un piccolo corridoio, a terra c’era il cadavere di Lucia Masimo, 70 anni, la moglie dell’ex carabiniere.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La dinamica del delitto

Era stata massacrata con un martello o un cacciavite o forse un vaso di ceramica che è stato ritrovato rotto sul pavimento. L’arma usata non è ancora stata accertata, ma i colpi sono stati parecchi. Secondo i militari, però, non stava cercando di fuggire verso la porta per guadagnare una via di uscita da quella follia. Probabilmente è stata sorpresa dall’uomo, con cui aveva condiviso una vita e con cui aveva messo al mondo cinque figli.

La depressione di Paolo

I vicini di casa e i figli hanno raccontato che tra i due non c’erano contrasti o liti violente. Nessuno li sentiva mai discutere. “Erano brave persone – racconta un barista – sembra che tutto tra loro andasse bene. Lui sembrava un po’ triste, ma chi non ha problemi?” Invece da tempo Paolo era caduto in un profondo stato depressivo ed era in cura da uno psicologo. La moglie per tanto tempo aveva lottato contro un male brutto ma alla fine era guarita. Lui, invece, forse logorato anche da questo periodo era caduto ancora di più in quello stato depressivo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Indagini in corso

Nell’appartamento la scientifica e i militari, coordinati dalla Procura della Repubblica di Velletri, hanno eseguito i rilievi di rito e hanno sequestrato gli oggetti che il marito potrebbe aver utilizzato per massacrare la donna. A questo punto resta solo da stabilire la dinamica del delitto e ci si interroga per capire se, prima di ieri, ci fosse qualche segnale evidente che potesse preannunciare l’imminente tragedia.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo