Vuoi la tua pubblicità qui?
05 Agosto 2021

Pubblicato il

Vetralla, la Chiesa di Sant’Egidio a rischio crollo?

di Redazione
Questa volta un cittadino segnala una situazione di uno stabile che andrebbe controllato dal punto di vista della sicurezza

Un cittadino di Vetralla si rivolge al noto blogger Gennaro Giardino, impegnato a rispondere ai problemi che alcuni cittadini evidenziano e a dare voce alle loro problematiche. Giardino si fa portavoce di molti cittadini e spesso grazie alle sue segnalazioni si riescono ad ottenere dei risultati. Questa volta un cittadino segnala una situazione di uno stabile che andrebbe controllato dal punto di vista della sicurezza.

"Ciao Gennaro mi rivolgo a te che sei sempre attento ai problemi del nostro paese per segnalarti una situazione che a mio parere viene trascurata e non controllata da chi di dovere e si tratta di un edificio che si trova nel centro storico del nostra paese. La chiesa in oggetto, San Egidio, si trova in Via Cassia interna 102, sono anni che l'umidità che vedi nelle foto cresce sempre di più, domenica scorsa passando ho notato molti pezzi di intonaco a terra, nelle foto si vedono quelli che sono rimasti. Ti faccio notare che la chiesa è chiusa da qualche anno perché all'interno sono caduti stucchi e calcinacci. Nessuno, malgrado le denunce dei residenti, è intervenuto seriamente per accertare le cause di queste infiltrazioni, anzi una volta su interessamento di Don Luigi, qualcuno è venuto, ma non è riuscito a stabilirne le cause. Secondo il mio modesto parere, sarebbe il caso di far intervenire o per lo meno sensibilizzare le autorità competenti perché potrebbe esserci un serio rischio di crollo, visto anche lo sfaldamento del peperino alla base della porta della chiesa. Visto il momento, con una crescente paura per i crolli di strutture non curate, le autorità (Comune, Curia, Sovraintendenza) dovrebbero darci delle risposte.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Chiosa Giardino dicendo: “Sono fiducioso nelle Istituzioni e spero che chi di dovere possa ben valutare se prendere le dovute precauzioni e se quanto segnalato possa recare pericolo".

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento