Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Luglio 2022

Pubblicato il

Vis Artena,Calabrese:sto lavorando sulla partecipazione e collaborazione

di Redazione
"Sto cercando di incentivare e motivare la partecipazione e collaborazione di tutte le attività commerciali medio-piccole artenesi"

La società sportiva Vis Artena, la scorsa settimana è stata lieta di annunciare l’arrivo in società di Cristian Calabrese che, per la stagione sportiva 2018-2019 rivestirà il delicato ruolo di Direttore Generale. L’approdo in serie D della Vis Artena ha innescato la scintilla per questa nuova collaborazione. Uomo di profonda conoscenza calcistica, sia tecnica, ma soprattutto organizzativa, ne fanno una pedina fondamentale per affrontare la nuova categoria con la casacca rossoverde. Durante l’intervista abbiamo trovato in Cristian Calabrese una persona carismatica e molto competente, con una grande voglia di guidare la società verso una stagione impegnativa. Un vero valore aggiunto per la Vis Artena, che si consolida ancor più.

Cristian Calabrese, Lei è il Direttore Generale della Vis Artena; quali sono i compiti specifici di questa figura?

“Il direttore generale può avere funzioni diverse, nel mio caso sono un coordinatore, un amministratore su cui tutto il lavoro confluisce, tranne la parte tecnica. Quindi collegare e ottimizzare è il mio ruolo principale: ogni società che si rispetti deve avere il direttore generale, pena una grandissima e controproducente confusione all’interno dell’organo dirigenziale”.

Che ambiente ha trovato quando è arrivato alla Vis Artena?

“Ho trovato tantissimo entusiasmo da parte di tutti, motivazione da vendere e voglia di fare: in primis nel patron Sergio Di Cori, che ringrazio per il ruolo che mi ha affidato, e del presidente Roberto Matrigiani. Poi nei tifosi, che mi hanno subito contattato per informarmi della loro voglia di supportare la squadra rossoverde, e si sono prontamente messi all’opera. Ho trovato lo stesso entusiasmo da parte delle istituzioni locali, che apprezzano gli sforzi societari. Ringrazio tutti coloro che, con una telefonata, un messaggio o un commento su facebook mi hanno incoraggiato ed entusiasmato tantissimo”.

Cosa ha cercato di portare di nuovo nella mentalità della società? 

“Prima di tutto vorrei potenziare il rapporto con gli sponsor locali, una relazione innovativa, che poche società attuano. Un  rapporto che deve andare oltre il semplice contratto pubblicitario. Sto cercando di incentivare e motivare la partecipazione e collaborazione, attraverso delle vere e proprie partnership, di tutte le attività commerciali medio-piccole artenesi e di tutti i cittadini. Dietro un brand come la Serie D, si cela un indotto economico spaventoso, alberghi, ristoranti, bar, trasferte e altro ancora, una vetrina da sfruttare: mettersi in evidenzia aiutando la loro squadra beniamina”.

Nella sua carriera spicca una lunga esperienza da presidente della polisportiva Santo Stefano e responsabile del settore giovanile A.C. Nuova Artena. Quanto sono importanti le persone che stanno dietro le quinte per far girare al meglio giocatori, allenatori?

“Importantissime, direi fondamentali. Esiste una  squadra ‘invisibile’: ne fanno parte uomini e donne che lavorano con passione, competenza e dedizione. Si tratta di segretari, preparatori atletici, medici, massaggiatori, magazzinieri, ma anche di tutte quelle persone che operano all’interno della struttura organizzativa ed amministrativa della società sportiva”.

L’obiettivo futuro della Vis Artena?

“Non mi faccia esprimere un giudizio su una categoria difficilissima come la serie D, posso solo dirle che ci stiamo mettendo tutti il massimo impegno per fare del nostro meglio, anima e cuore sono i nostri propulsori. Mi auguro di essere in Lega Pro il prima possibile e di continuare a dare grande visibilità al nostro paese”.

LEGGI ANCHE:

Cristian Calabrese è il nuovo Direttore Generale della Vis Artena

Artena, lo stadio sarà pronto per fine settembre

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?