Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Novembre 2020

Pubblicato il

Aldo Ciabatti e “La rinascita dell’uomo”

di Redazione

Sabato 23 novembre sarà inaugurata la mostra di Aldo Ciabatti, pittore e designer di grande fama

Sarà inaugurata sabato 23 novembre 2013 la mostra di Aldo Ciabatti, dal titolo “La Rinascita dell’Uomo”.
A cura di Giorgio Di Genova, la mostra sarà ospitata a Frascati, nelle sale delle Scuderie Aldobrandini, ristrutturate da Massimiliano Fuksas.
Ma la sede della Cangemi, a Roma, in via Giulia, ha avuto l’onore di ospitare, in anteprima assoluta, l’artista Ciabatti e le sue opere martedì scorso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Classe 1939, aretino di nascita ma romano d’adozione, Aldo Ciabatti, già designer di grande fama, è tornato a dedicarsi alla pittura a tempo pieno dal 2008.
“Si tratta di una personalità artistica affascinante e difficilmente imitabile”. Così lo ha definito il sindaco di Frascati, Stefano di Tommaso, che continua: “Nella sua ricerca estetica immette un travaglio morale e una volontà di avvicinarsi con l’arte alle verità ultime dell’universo. Per questo, ospitare la sua mostra nel polo museale di Frascati, ci rende pieni d’orgoglio”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Per Aldo Ciabatti – commenta il prof. Di Genova e curatore della mostra –, la cui rinascita s’è determinata nel momento in cui ha potuto convergere di nuovo sul suo amore d’infanzia, la pittura è l’espressione della ‘verità eterna’. Da qui, discendono i risvolti filosofici e didattici della sua pittura”.
“Il visionarismo di Aldo Ciabatti – prosegue – è permeato di una ampia e profonda cultura storica, mitologica, astronomica, scientifica e filosofica, cultura che gli permette di sfruttare al meglio la sua particolare mobilità esecutiva, riflettendosi nell’ambito espressivo. Ed è per tale predisposizione che nella sua produzione, oltre a individuare i merletti dell’universo, egli riesce a percorrere i sentieri del lirismo, tra cui eccelle il connubio dittico di ‘Aereoponica’ (2012), sapendo inoltre affidarsi sia allo spirito che alla materia, talvolta spellandola ed ulcerandola, ma anche bendandola con ‘garze’ a trama larga, e sempre con una pregnanza espressiva – conclude -, per cui il suo instancabile ‘navegar pettoresco’ nelle visioni del cosmo che alberga nel suo profondo non manca di coinvolgerci e nel contempo stupirci”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento