Vuoi la tua pubblicità qui?
02 Dicembre 2020

Pubblicato il

Lo sapevate che

È vero che i casinò pullulano di pensionati?

di Redazione

Dei pullman di pensionati diretti al casinò se n’è parlato già qualche anno fa e pure Enrico Lucci ne aveva fatto un servizio a Le Iene

Casinò, pensionati
roulette

Dei pullman di pensionati diretti al casinò se n’è parlato già qualche anno fa e addirittura Enrico Lucci ne aveva fatto un servizio a Le Iene. Allora Lucci era salito su quello stesso pullman raccogliendo i racconti di signori e signore, ascoltando i racconti e le motivazioni. Il servizio fu lungo, commovente a volte e di certo fece cambiare idea a tanti che guardavano a queste trasferte con sdegno e scandalo. Che la destinazione fosse Nova Gorica o Campione poco cambiava, a bordo del pullman c’erano moltissimi anziani che messo piede a bordo diventavano bambini diretti al Paese dei Balocchi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I Casinò promuovevano di certo le trasferte a prezzi convenienti, offrendo buffet illimitato e altri vantaggi a scopo di guadagno, ma per il gruppo di anziani si trattava di una serata di quelle di cui poi si parla per settimane. Uno spreco di soldi? Per qualcuno forse potrebbe essere così, ma fatto sta che, come testimoniato da Lucci, nonostante le perdite la maggior parte degli anziani si è detto soddisfatto dell’esperienza, divertito, felice di aver fatto quel viaggi in compagnia, seppur ovviamente i giochi sono affare individuale le cui strategie sono segretissime.

Come funzionano le gite ai casinò?

Una volta al mese alcuni dei Casinò più famosi organizzano partenze in pullman a costi vantaggiosi, offrendo promozioni e buffet illimitato. I bus passano per le regioni italiane più vicine, per le città principali, raccogliendo gli aderenti mediamente over 70 come da accordi. Ad ogni fermata i nonnini con il loro miglior abito e in compagnia di qualche compare del paese sono lì, anche con anticipo, pronti ed emozionati per vivere la loro notte “brava”.

Arrivati a destinazione, dopo essersi sgranchiti un po’ eccoli entrare nelle sale da gioco, ognuno pronto ad applicare il sistema o la strategia che “questa volta funzionerà”, con in tasca il budget per la serata. I figli preferirebbero fossero a casa a guardare qualche film o a cena fuori, ma a loro poco importa perché più di questi sanno che la vita è una soltanto e il tempo scorre in fretta. Il pullman rimane parcheggiato fuori dal Casinò a disposizione dei nonnini in caso si sentano stanchi e vogliano tornare a dormire.

Vuoi la tua pubblicità qui?

All’ora prestabilita per la ripartenza i pensionati vengono richiamati a bordo per tornare a casa, con le tasche più o meno vuote che siano. Qualcuno è stanco ed è felice sia ora di rientrare, qualcun altro sbuffa perché ancora voleva giocare un po’. In ogni caso nel giro di qualche ora si è tutti a casa.

Un’esperienza inebriante e diversa, anche a casa

Questo genere di esperienze non dovrebbero essere da condannare, non se c’è controllo da parte dei familiari e se gli anziani vengono affidati a compagnie sicure e affidabili. Per questi questo genere di uscite sono puro divertimento, sebbene poi non frutti come dovrebbe o come si è sperato. Se un bambino, diciamo, investe per andare a Gardaland e divertirsi, un anziano ha il diritto di divertirsi in questo modo. Gli anziani hanno molto più self control di quanto ci si può immaginare e le statistiche relative alle fasce d’età affette da ludopatia ne sono prova tangibile.

Con la chiusura di tanti casinò fisici ritroviamo gruppi di anziani che si dedicano al gioco online, sempre con periodicità ed utilizzando anche strumenti tecnologici che nessuno penserebbe siano in grado di utilizzare. Giocare con le slot gallina è un po’ come trovarsi in un casinò vero: le grafiche e la qualità dei servizi sono infatti ineccepibili. Trattandosi di casinò ADM è anche possibile stare tranquilli sulla sicurezza dei dati sensibili, sulla correttezza dei giochi e sulle restrizioni per quanto riguarda le puntate.  

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento