Vuoi la tua pubblicità qui?
11 Giugno 2021

Pubblicato il

Rilancio

Federmanager Roma e Unindustria: una ripresa economica sostenibile con Smart Energy

di Redazione

Federmanager Roma e Unindustria hanno presentato in diretta streaming dall’Auditorium G. Agnelli di Unindustria, “Smart Energy per le PMI”

Federmanager Roma
Il Presidente Federmanager Roma, Giacomo Gargano e il presidente Unindustria, Angelo Camilli

Federmanager Roma e Unindustria hanno presentato in diretta streaming dall’Auditorium G. Agnelli di Unindustria, “Smart Energy per le PMI” il progetto pilota realizzato sul territorio del Lazio e finanziato da 4Manager, un vero e proprio laboratorio bilaterale di politiche attive del lavoro costituito da Federmanager e Confindustria per favorire la managerializzazione delle Piccole e Medie Imprese, contribuire a generare uno sviluppo sostenibile e fornire al nostro sistema industriale gli strumenti necessari per rispondere alle sfide di competitività provenienti dalla globalizzazione dei mercati nel nuovo scenario della green economy.

Federmanager e Unindustria per le Pmi

Il progetto ha coinvolto 4 aziende rappresentative dei principali settori produttivi della Regione Lazio – il ceramico, l’energetico, il cartario e le telecomunicazioni – selezionate da Unindustria e 5 manager inoccupati iscritti a Federmanager Roma che ha messo a disposizione del progetto un gruppo di dirigenti esperti avvalendosi, tra l’altro, della collaborazione di ECOMAN – Ecological Management, azienda leader in tema di Management Ambientale e Sviluppo Sostenibile che ha svolto funzioni di coordinamento.


Grazie ad uno studio di benchmarking ed indici di bilancio elaborato da Infocamere ed un’attenta analisi preliminare delle rispettive peculiarità aziendali, il progetto ha consentito l’inserimento delle giuste competenze manageriali nelle imprese coinvolte, senza attribuire loro alcun costo, con l’obiettivo primario di creare una reale opportunità di sviluppo e di occupazione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sono 29 i progetti

Il progetto si è concluso con grande soddisfazione di tutti i soggetti coinvolti e in totale sono sviluppati all’interno delle aziende pilota 29 progetti, alcuni già completati, con focus specifici su: green economy e realizzazione di carburanti alternativi, economia circolare e valorizzazione degli scarti di lavorazione delle cartiere. All’interno di un’azienda è stata realizzata e messa in funzione una Nuova Business Unit dedicata al contenimento energetico e ai benefici fiscali del Superbonus 110%.

La finalità più ampia di progetti pilota come “SMART ENERGY per le PMI” è poter produrre un documento che consenta, a tutte le aziende dei settori coinvolti, di beneficiare dei risultati dello studio e guadagnare una maggiore competitività, un’ ottimizzazione delle risorse e, di conseguenza, una maggiore produttività.

Ricostruire il nostro sistema economico e sociale

Come organizzazioni di rappresentanza – dichiara Giacomo Gargano, presidente Federmanager Roma e Unione dei Dirigenti Industriali del Lazio – ci siamo messi a disposizione del Governo per realizzare nuovi strumenti operativi e attuare le politiche economiche ed aziendali che serviranno per ripartire. Siamo chiamati a ricostruire l’intero sistema economico e sociale del nostro Paese – prosegue il presidente un compito che richiede collaborazione di tutti gli attori coinvolti in uno scenario di massima trasparenza.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Una maggiore diffusione di managerialità soprattutto nelle piccole e medie imprese è la strada più virtuosa per la ripresa del nostro sistema economico e le realtà bilaterali come 4Manager sono vitali in tal senso. Dobbiamo continuare a cooperare affinché le aziende non debbano privarsi di competenze preziose, ancor più necessarie in tempi di crisi ed è per questa ragione – conclude Gargano – che chiediamo alle istituzioni particolare attenzione alla situazione delle piccole e medie imprese e dei settori più strategici per la nostra economia.

Il Piano Nazionale Ripresa e Resilienza

Dovranno essere ripensati alla luce dell’emergenza pandemica e dei profondi cambiamenti necessari anche in vista dell’attuazione di un PNRR che chiede un forte impegno in termini di transizione energetica, sostenibilità ambientale, circular economy e snellimento burocratico.

“Siamo in una fase in cui siamo ancora impegnati a confrontarci con la pandemia e ad analizzare gli effetti della crisi – dichiara Angelo Camilli, Presidente di Unindustria – ma abbiamo ben chiaro che il nostro obiettivo oggi è organizzare al meglio la ripresa e “attrezzare” le nostre imprese per essere all’altezza delle inevitabili trasformazioni che attraverseremo. Abbiamo un grande capitale manageriale a disposizione che può aiutare le imprese piccole a fare un salto di qualità che permetterebbe loro di essere più competitive e, come si usa dire oggi, più resilienti.

Sostenere e agevolare questa sinergia rientra certamente nella mission di un’Associazione come Unindustria. Il progetto Smart Energy, che ha coinvolto 4 aziende associate che ringrazio, ha certamente il pregio di muoversi nel segno della concretezza e nell’attualità di quanto richiesto nel PNRR: digitalizzazione, sostenibilità, riorganizzazione aziendale in chiave 4.0. Anche alla luce delle sfide che ci attendono nei prossimi anni grazie ai fondi europei, la programmazione e la visione manageriale saranno un elemento di sviluppo fondamentale.”

L’assessore regionale al Lavoro, Di Berardino

Dichiarazione dell’Assessore Claudio Di Berardino: ‘Come Regione Lazio abbiamo messo in campo un patto per le politiche attive del lavoro, frutto di un confronto e di una condivisione importante con le parti sociali, datoriali e produttive. La dotazione finanziaria prevista è di circa 250 milioni di euro. Si tratta di 21 azioni che mirano a promuovere la formazione e la buona occupazione per giovani, donne, disabili, disoccupati e percettori di ammortizzatori sociali.

Tra queste prevediamo anche una linea di intervento rivolta al sostegno all’incremento delle competenze manageriali per favorire competitività e innovazione. Siamo la prima Regione in Italia a mettere un campo un progetto così importante di risposta alla crisi. Consideriamo il rilancio delle politiche attive e la sempre maggiore attenzione dedicata alla formazione un motore per lo sviluppo e un volano per la transizione ecologica e digitale dell’economia nella nostra Regione’.

Conclusioni

Dopo l’Assessore al Lavoro e nuovi diritti, scuola e formazione, Regione Lazio Claudio Di Berardino, si sono avvicendati gli interventi del Direttore Generale 4Manager Fulvio D’Alvia, dei tecnici esperti che hanno partecipato al progetto e le testimonianze delle aziende coinvolte: Kerasan S.r.l., Natalizia Petroli S.p.a., Sama Marketing S.r.l., Siat Installazioni S.p.A. .

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento