Vuoi la tua pubblicità qui?
02 Dicembre 2021

Pubblicato il

Il “reddito di cittadinanza” NON è il vero Reddito di cittadinanza

di Federico Zamboni
A forza di usare il nome sbagliato si cancella l’idea stessa di ciò che è davvero questa misura rivoluzionaria

A quanto ammonterà? Chi potrà percepirlo? Per quanto tempo? A quali condizioni?

Le domande che si rincorrono a proposito del “reddito di cittadinanza” sono queste. E le risposte sono fatalmente approssimative, visto che le norme sono ancora in via di definizione. Ma in questo fioccare di indiscrezioni, per non dire di ipotesi, e in questo scarseggiare di certezze, la cosa che sfugge sempre di più è quella fondamentale: stiamo continuando a chiamare “reddito di cittadinanza” una misura che invece è tutt’altro.

Se vi è venuta alle labbra la risposta istintiva – “lo chiamassero come gli pare, basta che lo facciano davvero e che diano una mano ai poveracci senza lavoro e finiti in povertà o addirittura in miseria” – inghiottitela all’istante. Oltre a essere istintiva è anche una risposta sciocca. E il cittadino sciocco è il cocco dei potenti. Perché lui crede di evitare le chiacchiere e di andare dritto al sodo. Mentre invece sta evitando la verità e prendendo fischi per fiaschi.

In questo caso la verità è semplice. E a portata di mano di chiunque. Non c’è bisogno di recarsi alla Biblioteca Nazionale e di visionare dei testi accademici pubblicati molto tempo fa e ormai divenuti introvabili. No. Basta collegarsi a Internet (niente micini-carini e video-virali, per una volta) e leggere cosa riporta Wikipedia. Che certo va presa con cautela – essendo pur sempre un’enciclopedia-bricolage nelle mani di tutti e di nessuno – ma che spesso le informazioni basilari le fornisce. E che quindi può andare benissimo come orientamento iniziale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Reddito di cittadinanza: quello vero

“Un reddito versato da una comunità politica a tutti i suoi membri su base individuale senza controllo delle risorse né esigenza di contropartite”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Questa è solo una delle sintesi indicate, ma i punti essenziali li coglie. E il punto più importante in assoluto è alla fine della frase: senza “esigenza di contropartite”.

Ribadiamolo: il vero reddito di cittadinanza, che viene anche chiamato “reddito di base”, viene erogato in maniera universale e indiscriminata. A chi lavora e a chi non lavora. A chi è abbiente e a chi non lo è. Perché poggia su un presupposto concettuale del tutto diverso da ogni altra forma di sussidio: ogni cittadino è contitolare, proprio in quanto cittadino, di un frammento della ricchezza prodotta nella nazione alla quale appartiene.

Un legame comunitario, se vi piace il linguaggio tradizionale e di matrice non solo economica. Oppure un dividendo analogo a quello di una società per azioni, nella quale si entra per diritto di nascita, se preferite la terminologia e i concetti del business.

Sia come sia, niente a che spartire con gli interventi cui sta mettendo mano il Governo. Interventi che potranno avere i loro pregi e i loro difetti – e non mancheremo di parlarne approfonditamente già nei prossimi giorni – ma che sicuramente NON configurano un reddito di cittadinanza e non ci si avvicinano nemmeno.

Ma allora, si potrebbe chiedere, perché si usa una formula indiscutibilmente errata al posto di quella corretta?

Ecco: questa è un’altra reazione istintiva. Ma per nulla sciocca.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?