Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Luglio 2020

Pubblicato il

La provincia di Viterbo chiede chiarimenti

di Redazione

Sulle modalità di attuazione del Decreto Clini dei rifiuti provenienti dalla provincia di Roma nella provincia di Viterbo

Il dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Viterbo Flaminia Tosini ha inviato, nella giornata odierna, una lettera alla società Ecologia Viterbo chiedendo chiarimenti in merito ai criteri di gestione dei flussi di rifiuti provenienti dalla provincia di Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La lettera è stata inviata per conoscenza al ministro dell’Ambiente Corrado Clini, al commissario delegato per il superamento dell’emergenza ambientale della provincia di Roma Goffredo Sottile e alla Regione Lazio.

Dalla giornata di domani, 25 gennaio 2013, per effetto del Decreto Clini, presso l’impianto in località Casale Bussi, verranno conferite e trattate circa 80 tonnellate al giorno di rifiuti solidi urbani della Provincia di Roma che saranno sottoposte a trattamento meccanico e biologico per essere poi riconsegnate al conferente.

“Con la presente – scrive l’ingegner Tosini nella missiva – si chiede di sapere dalla Società Ecologia Viterbo come intenda gestire questo ulteriore flusso di rifiuti provenienti dalla provincia di Roma senza che gli stessi possano essere in alcun modo smaltiti presso la discarica ubicata in località “Le Fornaci” nel comune di Viterbo, al fine di preservare la capacità residua di smaltimento nel terzo lotto attualmente in costruzione per i rifiuti solidi urbani prodotti nei comuni delle province di Viterbo e Rieti. Si chiede inoltre di comunicare alla Provincia di Viterbo, con cadenza quindicinale, il flusso di massa giornaliero dei rifiuti provenienti dalla provincia di Roma e conferiti all’impianto di Casale Bussi e le precauzioni che verranno prese affinché questi rifiuti, dopo essere stati lavorati, vengano restituiti al conferente rispettando i quantitativi previsti in entrata”.

La Provincia nel frattempo intensificherà i controlli di sua competenza sul corretto funzionamento dell’impianto e sulle operazioni di trattamento meccanico e biologico.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi