Vuoi la tua pubblicità qui?
20 Settembre 2020

Pubblicato il

Giovani violenti

Latina, sgominata baby gang: a 15 anni picchiavano coetanei per 20 euro

di Redazione

Sgominata a Latina una baby gang di giovanissimi, 14 e 15 anni, che aggredivano coetanei: identificati grazie alla denuncia di una vittima

Latina baby gang

Baby gang di Latina. Nella  pomeriggio del 3 agosto, i poliziotti della Squadra Mobile di Latina, hanno deferito alla competente Procura dei Minorenni di Roma, due soggetti di anni 14 e di anni 15. Gli arresti hanno seguito una mirata attività investigativa tesa ad arginare gli episodi di bullismo tra minori.

Latina, baby gang identificata grazie a denuncia vittima


Le articolate indagini, sono partite grazie alla denuncia sporta da una delle giovanissime vittime, che permettevano di identificare gli autori di due episodi di bullismo verificatisi sul lungomare di Latina, lo scorso luglio.

Vuoi la tua pubblicità qui?


Il primo episodio, è maturato sulla spiaggia nelle vicinanze di un noto Hotel del lungomare pontino, che ha visto un gruppetto di giovani, aggredire per futili motivi, un’altra comitiva di ragazzi, minacciandoli perfino di tornare armati di coltello. Il secondo episodio, invece è avvenuto  nei pressi di una  gelateria sempre nei pressi di Capoportiere.


In questa circostanza due dei ragazzini facenti parte del gruppo che si era già reso protagonista della prima aggressione, si sono avvicinati ad un ragazzo. E dopo avergli sottratto il portafogli impossessandosi della somma di  20,00 euro, lo hanno colpito sferrandogli un pugno che lo feriva  ad un occhio.

Il colpo ha reso necessario l’arrivo del ambulanza ed il successivo trasporto presso il locale pronto soccorso. Lì il ragazzo è stato medicato e dimesso con prognosi di 10 giorni.


Grazie alle testimonianze raccolte e ai filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza, hanno permesso  di identificare i due giovani aggressori. I due giovani sono stati di conseguenza denunciati, per i reati di rapina, minaccia e lesioni alla competente Autorità Giudiziaria.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento