28 Febbraio 2021

Pubblicato il

Memorie Urbane: la Street Art arriva a Valmontone

di Luca Vergovich

Da domani artisti di fama all'opera per dare nuovi colori alla città, ma non tutti sono d'accordo

Conto alla rovescia, a Valmontone, per l’inizio di “Memorie Urbane”, il Festival internazionale che si pone l’obiettivo di trasformare le zone più trascurate delle città in un museo a cielo aperto, accessibile a tutti. Non tutti si trovano d’accordo, però, con questo progetto curato dall’Associazione Culturale Cornelia che considera l’arte urbana contemporanea uno strumento per dare nuovo risalto a spazi che sono solitamente trascurati, in disuso o decadenza.

La street art, o arte di strada, oppure arte urbana, è il nome che i mass mèdia hanno dato a questa “arte” che  si è manifestata, spesso illegalmente, nei luoghi pubblici. Gli “artisti” rivendicano le strade e le piazze per poter esporre le proprie “opere”. Ed è qui che nasce il problema e cioè che le strade e le piazze sono di tutti e c’è a chi non piace questo tipo di “arte”.

A Roma sono nati gruppi come il Retake che si adoperano nel rispetto della salvaguardia del decoro urbano, anche nel rispetto delle leggi in vigore che vietano di “imbrattare” muri o carrozze di treni o autobus o monumenti, mentre da un punto di vista opposto sono nati, sempre a Roma, interi quartieri che promuovono la “street art”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ci piacerebbe sapere la vostra su questo argomento e di seguito pubblichiamo il programma del progetto Memorie Urbane patrocinato dal Comune di Valmontone.

IL PROGETTO:

IL PIÙ GRANDE FESTIVAL DI STREET ART MAI REALIZZATO IN ITALIA.

40 artisti, 8 città, 4 province e 2 regioni unite sotto un unico manifesto: Memorie urbane.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Trasformare le zone più trascurate delle città in un museo a cielo aperto, accessibile a tutti.
Portare l’arte contemporanea nelle strade e metterla in contatto con il territorio, per stimolare un processo di interazione e contaminazione reciproca. L’arte come strumento per riscoprire le nostre città e ridare nuovo risalto a spazi che sono solitamente abbandonati e privi di una qualificazione.
Questa l’intuizione alla base di Memorie Urbane, il festival di street art che coinvolge ben 9 città sparse tra le province di Roma, Latina, Frosinone e Caserta. Valmontone (unica nella provincia di Roma), Gaeta, Terracina, Fondi, Arce, Latina, Priverno e Caserta saranno quindi lo scenario di questo imponente “laboratorio artistico a cielo aperto” – degno delle principali capitali europee – che si svolgerà tra marzo e giugno in un’inedita esplosione di colori.

Giunto alla sua quarta edizione, con oltre 90 muri già realizzati, quest’anno Memorie Urbane non nasconde le proprie ambizioni e aumenta il numero di artisti, eventi e collaborazioni. Degna di nota la partnership con il festival della capitale lituana Vilnius street art.

40 sono infatti gli ospiti provenienti da 13 paesi e 3 continenti: Italia, Lituania, Inghilterra, Polonia, Spagna, Norvegia, Portogallo, Grecia, Germania ma anche Brasile, Argentina, Russia, Cina e Stati Uniti, di cui la metà non ha mai dipinto in Italia.
Dalla Germania: 1010, ALIAS; Ecb Hendrik Beikirch conosciuto tra le altre cose per aver realizzato il muro più alto del mondo; Case della crew Maclaim.
Dalla Francia: Shaka, Kan, Levalet, Jana e J’s e Ella & Pitr, famosi – questi ultimi – per le loro opere monumentali dipinte sulle terrazze e su enormi piazzali. Così come da Oltralpe giunge a Memorie Urbane MTO, tra gli artisti più controrversi del momento.
Ancora, dall’Inghilterra atterra David Walker, storico street artist e che ha realizzato per Atac un biglietto in occasione dell’edizione “biglietti d’autore” 2014.
Per la prima volta in Italia anche Adomas Žudys / AWK (Lituania), Apolo Torres (Brasile), Bezt(Polonia), Pichiavo (Spagna), Doa (Spagna), Sema Lao (Francia), Ino (Grecia), Milu Corech (Argentina) e Stein (Norvegia).
E non si fermano qui i tanti i nomi europei e internazionali ospitati in questa edizione.
Dalla Spagna: Btoy, Pablo S Herrero e David De La Mano.
Dal Portogallo: Eime e Frederico Draw, Ernest Zacharevic dalla Lituania e Natalia Rak dalla Polonia.
Dall’Argentina: Pastel, Bosoletti, Elian. Ancora: Martha Cooper dagli Stati Uniti; Alexey Luka dalla Russia .
Non manca un pizzico d’Italia: da Vesod a Pixel Pancho, passando per 108, Eduardo Tresoldi, Fra Biancoshock e Millo.

Memorie Urbane nasce nel 2011 da un’idea di Davide Rossillo, presidente di  Turismo Creativo, da sempre sostenitore dell’arte contemporanea come elemento di dinamismo culturale e strategia di crescita socio-economica, culturale e turistica. Il Festival, noto ormai per aver portato l’arte urbana a Gaeta e Terracina, le prime città che hanno aderito all’iniziativa, si muove in continuità con il patrimonio storico, artistico e naturale del territorio e lo sottolinea anche nel nome che si è scelto: Memorie Urbane, che rievoca quanto la “memoria” sia considerata fondamentale come punto di partenza, pur in un processo innovativo proiettato verso il futuro.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento