Vuoi la tua pubblicità qui?
20 Settembre 2021

Pubblicato il

E li chiamano "furbetti"

Montefiascone, Nepi e Gallese: 5 denunciati per reddito di cittadinanza

di Redazione
Solo due di essi hanno ricevuto illecitamente oltre 28mila euro
reddito cittadinanza
Reddito di Cittadinanza

Cinque persone di Montefiascone, Nepi e Gallese sono state denunciate per aver percepito indebitamente il reddito di cittadinanza. A scoprirlo sono stati carabinieri delle tre stazioni cittadine, in collaborazione con i carabinieri del Nucleo ispettorato del Lavoro di Viterbo.

Gli agenti infatti hanno effettuato verifiche investigative sui percettori di reddito di cittadinanza, e hanno denunciato i soggetti in questione avere percepito il reddito in assenza di requisiti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Reddito di cittadinanza percepito illecitamente nella provincia di Viterbo

Nel comune di Nepi una donna di origini rumene che ha dichiarato falsamente di essere residente a Nepi pur non essendo vero e così ha percepito oltre 3mila euro di reddito di cittadinanza.

Mentre un uomo italiano del posto, che ha percepito oltre 600 euro di reddito, non dichiarando i suoi precedenti penali, oltre ad essere agli arresti domiciliari.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A Gallese invece gli agenti hanno denunciato una donna di origini rumene che ha dichiarato il falso sulla situazione economica riferibile al suo nucleo familiare. In tutto ha percepito oltre 8mila euro di reddito di cittadinanza.

A Montefiascone infine gli agenti hanno denunciato un cittadino italiano che ha fornito false attestazioni sulla composizione del proprio nucleo familiare. Nello stesso comune denunciato anche un cittadino di origini rumene.

Quest’ultimo ha dichiarato falsamente di essere residente in Italia da almeno 10 anni seppure in modo non continuativo. In totale ai due soggetti sono stati erogati oltre 28mila euro di reddito di cittadinanza.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo