Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Maggio 2021

Pubblicato il

Oggi riunione Cts, 11 regioni puntano alla Zona Gialla: anche il Lazio

di Redazione

Il pass per gli spostamenti potrebbe essere pronto a giungo o a luglio

Pass vaccinale

La regione Lazio chiede di essere classificata come Zona Gialla. Oggi si riunisce il Comitato tecnico scientifico, poi seguirà il confronto con le regioni, e mercoledì, o al più tardi giovedì, il Consiglio dei ministri per mettere nero su bianco il nuovo decreto che indicherà il calendario e le regole per le riaperture. Sono attualmente 11 le regioni, che puntano alla zona gialla. La zona gialla è infatti sospesa dal Dl valido fino al 30 aprile.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lazio chiede la Zona Gialla

Esse sono Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Umbria e Veneto – oltre alle province di Trento e Bolzano.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il primo passaggio è la riunione degli esperti del Cts che dovranno esprimere un parere sul pass che servirà per spostarsi tra le regioni di colore diverso ma anche per accedere ad alcuni eventi, come assistere “a spettacoli dal vivo o andare al cinema.

Pass per gli spostamenti tra regioni rosse e arancioni

Le certezze al momento sono due, scrive Ansa: “la prima è che non sarà pronto per il 26 aprile, dunque da lunedì prossimo ci si sposterà verso le regioni rosse e arancioni con l’autocertificazione e uno dei tre documenti necessari allegato, il certificato vaccinale, quello di avvenuta guarigione o l’esito del tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Elemento, quest’ultimo, sul quale sia il sottosegretario all’interno Carlo Sibilia sia il sindaco di Firenze Dario Nardella chiedono un intervento del governo per eliminare o abbassare i costi ed evitare che ci siano cittadini di serie A e serie B. L’altra è che il pass sarà in linea con quello europeo che dovrebbe diventare operativo tra giugno e luglio”.

Salvini e la proposta della Lega per spostare il coprifuoco alle 23

Per il segretario della Lega, Matteo Salvini, “hanno ragione i ristoratori, siamo solo a metà dell’opera con le riaperture. In altri paesi europei, come a Madrid in Spagna, da tempo sono aperti bar, ristoranti fino alle 23 ma sono aperti anche musei, teatri”. Parlando ai microfoni di “24 Mattino” su Radio24, il leader leghista ha spiegato che se i dati saranno buoni “nei prossimi giorni bisogna pensare ad altre riaperture. C’è una discriminazione tra chi ha posti all’aperto e chi ha soli posti al chiuso. Uno sforzo è dovuto contando sul buon senso degli italiani”. E sul coprifuoco ha aggiunto che come Lega “porteremo la proposta di allungarlo alle 23. Lo chiedono anche i governatori e i sindaci, è una richiesta fondata su dati scientifici e sul buon senso”, ha concluso.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento