Vuoi la tua pubblicità qui?
08 Aprile 2021

Pubblicato il

Omicidio Luca Sacchi, avvocato famiglia: “Non faceva uso di droga, era pulito”

di Redazione

"L'espianto è stato regolarizzato dall'ospedale con esami clinici, tossicologicamente negativi a qualsiasi uso di stupefacenti"

Domenico Pavone, l'avvocato della famiglia di Luca Sacchi, il ragazzo 24enne ucciso nella tarda serata di mercoledì 23 Ottobre, davanti ad un pub in zona Colli Albani, interviene dopo che i giornali avevano riportato alcune dichiarazioni diffuse durante l'interrogatorio dei 2 balordi autori dell'aggressione, che parlavano di compravendita di droga tra gli assassini e la coppia. Pavoni era appena uscito dall'appartamento della famiglia Sacchi: "La famiglia di Luca ha dato l'ok per l'espianto degli organi che sono stati donati. L'espianto è stato regolarizzato dall'ospedale con esami clinici, tossicologicamente negativi a qualsiasi uso di stupefacenti, quindi la salute del ragazzo era perfetta e non faceva uso di stupefacenti. Chiediamo il rispetto del lutto della famiglia, in quanto sua il padre che la madre sono distrutti. Per il resto ci rimettiamo a inquirenti e investigatori, in attesa che ci venga dato l’ok per i funerali. La mamma di Luca non riesce nemmeno a parlare, ho letto della mamma di uno dei fermati che lo ha denunciato. La sua, certo, è una iniziativa lodevole".

Vuoi la tua pubblicità qui?

L'appartamento in zona Appio Tuscolano, dove Luca Sacchi viveva insieme ai genitori oggi è un viavai di parenti, amici e conoscenti. Ad aprire il portone è la zia della vittima che ha gli occhi gonfi, mentre chiama a parlare il papà del ragazzo. "Stiamo decidendo con l'avvocato il da farsi, ancora non ce la sentiamo di parlare o commentare quanto accaduto", spiega con gli occhi ormai vuoti e gli amici che lo sostengono chi con una pacca sulle spalle, chi con un abbraccio. Tanti i parenti stretti intorno a lui e alla moglie che però "è a letto, provata da un dolore troppo grande" dice un altro zio, mentre esce dall'appartamento illuminato e caldo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Luca era un ragazzo dolce, buono, che amava lo sport" dice Fabrizio Sacchi, fratello del padre di Luca. "Voleva aprirsi una palestra per conto suo, farsi una famiglia con dei figli. Era fidanzato da 5 anni, nonostante fosse un bel ragazzo aveva solo Anastasiya. Ora i suoi sogni sono infranti. Luca non beveva, non fumava, tutti i suoi organi sono stati espiantati proprio perché era in perfetta salute. Solo l'occhio era inutilizzabile, colpito dal proiettile". I suoi occhi sono lucidi, fatica a parlare mentre ribadisce: "Non conosceva i due ragazzi fermati, poi giravano con una pistola, come si fa ad accomunarli a Luca? Qui non si è più sicuri, non è giusto togliere la vita così a un ragazzo e rovinare 5/6 famiglie". Racconta il dolore della madre, della cognata, di tutti quanti amavano la vittima: "La nonna che tutti i giorni sentiva Luca – dice lo zio – ieri sera non ha ricevuto la sua chiamata, la mamma non ha avuto il suo bacio e a me è mancata la sua telefonata. Mi chiamava 'number one', io gli rispondevo chiamandolo allo stesso modo. E finita così, senza motivo".

Foto Adn Kronos

Omicidio Luca Sacchi, fermati due sospettati. Ipotesi scambio droga finito male

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento