Vuoi la tua pubblicità qui?
31 Maggio 2020

Pubblicato il

Per un Comune sicuro, un’idea di ANCI Lazio, Federsanità, Upi e Regione

Parte il progetto “Per un Comune sicuro”, un'iniziativa di collaborazione tra ANCI Lazio, Federsanità Lazio, Upi Lazio, Regione Lazio

Per un Comune sicuro, Valmontone
Valmontone

Parte il progetto “Per un Comune sicuro”, un’iniziativa di collaborazione tra ANCI Lazio, Federsanità Lazio, Upi Lazio, Regione Lazio. Il progetto mira a rendere i Comuni e le Province protagonisti consapevoli della fase 2, promuovendo metodi di prevenzione legati alla gestione delle epidemie. Con una buona organizzazione del lavoro e l’uso di strumenti di distanziamento personale con tecnologie digitali. Inoltre con la presentazione di buone pratiche e con l’attuazione di strategie di comunità, concordate tra Aziende sanitarie, Comuni e Province. Nella prima fase emergenziale, Comuni, Città Metropolitana, Province e Regione, hanno svolto un ruolo di primo piano nella gestione della fase emergenziale. Adesso è necessario continuare su questa strada virtuosa con la riorganizzazione dell’impianto lavorativo, sociale e logistico del territorio. E con la messa a regime una serie di iniziative, volte a garantire i servizi e rimodellarli al contesto attuale.

Il Presidente di Anci Lazio “Per un Comune sicuro”

Il passaggio alla fase 2, precisa Riccardo Varone, Presidente di Anci Lazio e Sindaco di Monterotondo, richiede alla pubblica amministrazione locale di mettere in campo nuovi modelli organizzativi del lavoro, che assicurino la sicurezza del personale e dei cittadini. Come occorre anche ripensare il rapporto con l’uso delle nuove tecnologie e degli strumenti digitali. E’ necessario valutare l’affidabilità delle reti di comunicazione e la disponibilità dei sistemi adeguati a rispondere alla domanda che viene dal cittadino. Come anche un investimento in termini di cultura e di formazione sulle nuove modalità di rapporto. Attraverso i processi digitali e la possibilità di svolgere il proprio lavoro da casa con qualità (smart working)”.

L’intervento di Tiziana Frittelli, Presidente Federsanità

«La Fase 2 della crisi legata al COVID-19 – dichiara Tiziana Frittelli, Presidente Federsanità e Commissario straordinario PTV – dovrà trasformarsi nell’occasione per ripensare tutta una serie di servizi che, grazie al supporto di professionisti di alta qualità, alla tecnologia disponibile e alla collaborazione con il territorio, possono fornire al cittadino una serie di opportunità, prima poco o per nulla sfruttate. Formazione e continua comunicazione fra gli attori istituzionali completano il quadro di quello che speriamo possa diventare una buona pratica attuata anche in altre parti d’Italia».

Le sentinelle di comunità

Altra fase del progetto è invece legata all’individuazione di una serie di “Strategie di comunità” e di prevenzione primaria. Dopo un’attenta verifica delle procedure da utilizzare e tenendo conto delle tempistiche indicate a livello governativo e regionale, saranno individuate delle “Sentinelle di comunità” e i “supporti di rete della solidarietà”. Assistenti sociali, polizia municipale, farmacie comunali, care giver, terzo settore, parrocchie, associazioni sportive, volontari della protezione civile, Nas. Le sentinelle saranno organizzate in team e formate attraverso una serie di webinar. Per meglio conoscere l’uso dei DPI e della vita sociale in sicurezza. Un innovativo processo di presa in carico e monitoraggio. Inoltre verranno mappati i centri e le realtà aggregative sui territori (sia di gestione comunale che quelli che agiscono sul territorio comunale). Così da avere un chiaro riferimento rispetto a tutto quelle situazioni non soggette a controllo sanitario.

Le misure di tutela nelle comunità cittadine

«La figura delle “sentinelle di comunità” – continua Varone – è protagonista all’interno di questo progetto. L’ausilio che queste figure, adeguatamente formate, possono dare alla comunità è duplice. I cittadini potranno rivolgersi a loro per avere maggiori informazioni sulle norme di sicurezza sociale durante la Fase 2, l’uso dei DPI e della vita sociale in sicurezza. E le istituzioni potranno avere un monitoraggio più stretto sulle misure di tutela.Voglio concludere ringraziando Federsanità e UPI per la collaborazione nella realizzazione di questo progetto, oltre, ovviamente alla Regione per il supporto»

Per un comune sicuro con Upi Lazio

«Saluto con favore il progetto “Per un Comune sicuro”, afferma Antonio Pompeo, Presidente di UPI Lazio e della Provincia di Frosinone -, al quale l’Upi Lazio ha voluto subito aderire. Si tratta di una piattaforma operativa e formativa che nasce dal basso, valorizzando quegli enti che sono stati in prima linea. Enti che hanno acquisito meglio di tutti competenze e buone pratiche sull’organizzazione del lavoro, sulla tutela dei luoghi, sull’assistenza, sulla cura delle fragilità. Un bagaglio di competenze a disposizione di tutti gli operatori e gli amministratori della nostra Regione. I quali ridisegnano e rilanciano le funzioni degli Enti locali non solamente per rispondere alle esigenze del domani, ma anche per farsi trovare pronti nel caso di nuove emergenze. Un ringraziamento ad Anci Lazio e al presidente Roberto Varone, così come a tutte le istituzioni che hanno aderito e che dimostrano la validità e la forza di questo progetto».

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi