21 Ottobre 2021

Pubblicato il

Parco Archeologico Colosseo

Roma. Colosseo, Rampelli: Basta con gestione monopolistica di CoopCulture

di Redazione
"Lo Stato rientri in pieno possesso del Parco archeologico del Colosseo scippato da privati nel 1997"
colosseo o anfiteatro flavio
Anfiteatro Flavio (Colosseo)

“Basta con i favoritismi, con le rendite di posizione. Lo Stato rientri in pieno possesso del Parco archeologico del Colosseo scippato da privati nel 1997 e tenuto illegalmente in gestione con il truffaldino istituto della proroga, per ottenere la quale i concessionari sono capaci di ogni azione”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Interpellanza sulle concessioni a CoopCulture

E’ l’invito che il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia ha fatto al Governo nel corso dell’illustrazione dell’interpellanza sul sistema delle concessioni a CoopCulture che gestisce l’Anfiteatro Flavio.

“Con CoopCulture fine concessione mai”

“Con CoopCulture- ha aggiunto Rampelli- ci troviamo in regime di ‘fine concessione mai’. La società gode di questa convenzione da oltre 20 anni, detiene un patrimonio di strabiliante valore. Gestisce bigliettazione, prevendita, servizi di audioguida e ristorazione.

“Regime di monopolio”

Sulla prevendita incassa il 100% degli introiti ed è per questo che punta tutto su quelle per evitare la vendita dei biglietti sui quali lo Stato incasserebbe invece il 70%. Si tratta di un vero e proprio regime di monopolio. Sono oltre venti anni che il sistema delle proroghe consente a CoopCulture di gestire il Colosseo come fosse cosa sua, tanto da impedire di fatto alle guide turistiche di svolgere il loro lavoro in autonomia e con circuiti dedicati.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Quando una concessione scade, il Governo ha l’obbligo di verificarne l’efficacia e l’economicità. Altrimenti si abusa della collaborazione pubblico privato per trasformare il rapporto di sinergia in una prebenda a beneficio degli amici del Partito Democratico”.

“Comune di Roma non incassa un euro”

Secondo Rampelli “la gestione del Colosseo, il monumento più visitato al mondo – ha proseguito – deve portare benefici anche al Comune di Roma che a oggi non incassa un euro benché garantisca servizi di pulizia, vigilanza, illuminazione, trasporto, manutenzione del verde, di strade e marciapiedi. Infine, non si capisce per quale motivo 20 milioni di euro di biglietti venduti agli operatori turistici ma non utilizzati a causa della pandemia, siano stati trasformati in voucher invece di essere rimborsati.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“La Coop riconsegni il bene allo Stato”

Anche questo è un favore a CoopCulture ottenuto grazie alla copertura politica ed economica del Pd. Ora basta, siamo in presenze di sentenze della Corte dei conti e del Consiglio di Stato, la Cooperativa rossa – ha concluso Rampelli – riconsegni il bene allo Stato e lo Stato lo riprenda a gestire incassando direttamente i milioni di euro provenienti dalla vendita dei pacchetti a tour operator e visitatori, che giungono da ogni angolo del pianeta grazie alle vestigia romane e certo non per merito di CoopCulture”. (Comunicati/Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo