Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Dicembre 2021

Pubblicato il

Settore sanitario in pericolo

Roma, emergenza sanità: medici e infermieri scendono in piazza

di Livia Maccaroni
Medici e infermieri scendono in piazza per sensibilizzare sul disagio lavorativo. L’obiettivo è salvare il Pronto Soccorso
Medici e infermieri
Medici e infermieri

Medici e infermieri del Pronto Soccorso e del 118 scenderanno in piazza il prossimo 17 novembre a Roma (la sede è in attesa di definizione). Il tentativo è quello di sensibilizzare opinione pubblica e decisori rispetto l’attuale crisi legata alla situazione di disagio lavorativo causato delle carenze strutturali e di organico che si registrano nelle Unità Operative di Medicina d’Urgenza, Pronto Soccorso e 118, in tutta Italia.

Condizioni di medici e infermieri 

Le condizioni di lavoro attuali dei medici e degli infermieri “non consentono loro di avere i giusti e necessari tempi di riposo, di recupero psico-fisico e spazio da dedicare alla loro formazione e agli indispensabili aggiornamenti professionali”. Sono le parole che si leggono nella nota diffusa dalla Simeu, la Società italiana della medicina di emergenza-urgenza, che rappresenta medici e infermieri che lavorano a causa dell’emergenza territoriale, nei Pronto Soccorso e nelle strutture di Medicina d’Emergenza ospedaliere. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Una maggiore tutela

“La specialità – prosegue la nota – è complessa e unica. Abbraccia infatti conoscenze e competenze che appartengono ad altre discipline. Dunque l‘attività non può essere delegata a ‘medici in affitto’, a neolaureati non formati o a cooperative di servizio. Devono essere riviste equipollenze e affinità, garantendo eque prospettive di carriera e una riforma sulla modalità di accesso al Ssn per i giovani professionisti attualmente in Scuola di Specializzazione. Poi le misure di assistenza, le tutele legali e la protezione dagli episodi di aggressione e violenza sul luogo di lavoro. La medicina di Emergenza Urgenza è una specialità che deve essere legittimata nel suo ruolo per le specifiche competenze. A partire dalla denominazione che dovrebbe coincidere con quella della Scuola di Specializzazione, come avviene per le altre specialità mediche”. 

I dati

Oggi si registra una carenza di circa 4mila medici e 10mila infermieri di Pronto Soccorso e 118. Concorsi andati deserti in tutte le Regioni italiane e abbandono dei professionisti. Il 50% circa delle Borse di Studio della Specialità di Emergenza Urgenza non sono state assegnate nell’anno accademico 2021/22, per disinteresse dei neolaureati. Mentre il 18% di studenti hanno abbandonato l’anno accademico 2020/21.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?