Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2020

Pubblicato il

Paradossi romani

Roma, mentre Raggi festeggia 72 nuovi bus su Facebook…l’ennesimo va a fuoco

di Redazione

Mentre Virginia Raggi annuncia l'arrivo del primo lotto di 72 nuovi bus l'ennesimo mezzo prende fuoco in zona Torrevecchia...

Bus a fuoco
Bus a fuoco

Un altro mezzo pubblico colpito da improvvisa autocombustione. Intanto, solo ieri, 3 settembre, sulla sua pagina Facebook, la sindaca di Roma Virginia Raggi scriveva fiera:

“Arrivati i primi nuovi mezzi dei 328 bus acquistati per quest’anno. Al primo lotto di 72 bus ne seguiranno altri fino a esaurire la fornitura nei prossimi mesi. L’obiettivo è rinnovare e potenziare la flotta di autobus di Atac”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nel frattempo in zona Torrevecchia, intorno a mezzanotte tra il 3 e 4 settembre, l’ennesimo autobus prendeva fuoco. Il rogo è scoppiato sul un mezzo Tpl Roma all’altezza di via Montebruno. Il conducente e passeggeri sono rimasti illesi ma lo spavento è stato tanto e ha richiesto l’intervento dei vigili del fuoco per spegnere il retro del veicolo. Anche la Polizia locale sul posto per verificare l’accaduto e mettere in sicurezza la zona.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lo scorso episodio era avvenuto solo pochi giorni fa, il 26 agosto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Bus a fuoco: qualche numero

I bus che hanno preso fuoco nel 2019 sono stati 23, di cui 14 distrutti. Dal 2016 sono arsi 149 autobus in totale, tra mezzi Atac e Tpl. Il problema è dunque strutturale come riportava anche Il Messaggero in un articolo del febbraio 2020. Perdite d’olio, motori affaticati, bus datati e sovrasfruttati, ma anche un vero e proprio difetto di fabbrica che ne causerebbe l’autocombustione; in particolare parti meccaniche e componenti elettriche troppo vicine. Quando le scintille si diffondono si va a creare la combustione. Anche il diffuso dissesto del manto stradale sarebbe un fattore rovinoso per i veicoli. Una “flotta” a dir poco sgangherata.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento