Vuoi la tua pubblicità qui?
11 Maggio 2021

Pubblicato il

Spuntano strani cartelli nelle Asl: “Non picchiate gli infermieri”

di Redazione

Ai nostri cittadini va spiegato che non si può entrare in ospedale e picchiare chiunque capiti a tiro in nome di un presunto caso di malasanità

Ce li segnalano a Frascati e in altre diverse Asl: cartelli in cui si pregano gli utenti di non malmenare gli operatori sanitari, come quello di cui ha parlato anche Il Messaggero e che si trova nella Asl Roma 3 a Fiumicino. Già, avete capito bene: tra le varie comunicazioni stampate in formato A4 e affisse nelle varie bacheche o appiccicate al muro in modo assai precario con dello scotch o con le puntine da disegno, in diverse aziende sanitarie locali della Regione da diverso tempo spiccano avvisi inquietanti. Che recitano così: “Attenzione. Si ricorda che offendere o aggredire verbalmente e/o fisicamente gli operatori della Struttura costituisce reato. Pertanto gli atti di violenza saranno perseguiti per legge”. Nulla di strano, commenteranno sicuramente tra sé e sé molti utenti di fronte a quella che gli appare come una delle tante comunicazioni da leggere in modo sbrigativo o addirittura per niente, ma… In realtà, questi disperati appelli al buon senso da parte dei lavoratori che quotidianamente prendono insulti e botte, sono il chiaro segno della deriva culturale e sociale cui stiamo andando incontro. Una deriva preoccupante. Ingravescente. E che ha anche dell’assurdo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Perché leggere “Si ricorda che offendere o aggredire verbalmente e/o fisicamente gli operatori della Struttura costituisce reato” è come trovarsi di fronte ad avvisi tanto insensati quanto ovvi del tipo: “Incendiare le auto in sosta è contro la legge” o “bastonare le vecchiette alla fermata dell’autobus costituisce reato” o ancora “entrando allo stadio con un mitra si rischiano problemi con la giustizia”. Eppure ai nostri cittadini va spiegato che non si può entrare in ospedale e picchiare chiunque capiti a tiro in nome di un presunto caso di malasanità tutto da verificare. Si tratta spesso di facinorosi impenitenti, per carità, ma a volte capita anche che dei normali padri di famiglia, snervati dalle file chilometriche per accedere a un servizio, perdano le staffe e pensino che per far valere i propri diritti sia lecito aggredire gli operatori. Tanto che gli episodi di violenza riportati dai media sono all’ordine del giorno e non si contano più. Tanto che se c’è stato bisogno di ricordare ai cittadini che non è consentito malmenare i sanitari, vuol dire che nelle Asl laziali risse, colluttazioni ed altri episodi di violenza si verificano piuttosto di frequente. In barba alla legge. E in barba alla civiltà.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento