09 Agosto 2020

Pubblicato il

Televisione: Troppo facile fare il copia e incolla…

di Marco Vittiglio

I programmi più seguiti dai telespettatori, sembra non possano fare a meno di mostrare diverbi, liti, scontri, violenze verbali

Come da tempo e ampiamente anticipato la tv continua inesorabilmente il suo viaggio percorrendo una strada senza ritorno, per di più su di un binario morto. I programmi apparentemente più seguiti dai telespettatori, sembra non possano fare a meno di mostrare inevitabilmente diverbi, liti, scontri, violenze verbali che rasentano quelle fisiche, senza tenere conto di poter creare sconcerto, nausea e a volte anche rabbia in chi ogni giorno si siede comodamente davanti alla tv. Si spiega così il netto successo di ascolti e gradimento di Ballando con le stelle e Amici, che senza necessità di dover far ricorso ai tafferugli, con un sano antagonismo , spirito di squadra e buone maniere continuano perentoriamente ad essere dei veri e propri baluardi della televisione.

La maestria e la creanza delle due regine della tv Milly Carlucci e Maria De Filippi sono ingredienti rari da poter trovare di questi tempi e naturalmente tutto ciò fa la differenza. In riferimento ai format che spaccano l'opinione pubblica possiamo dire, riferendoci ad esempio sia al Grande fratello che all' Isola dei famosi, che abbiano fatto ampiamente il proprio tempo e a nulla valgono i tentavivi di poter settimanalmente suscitare e sollevare polemiche e strascichi tra concorrenti ancora in gara, concorrenti già esclusi e persone che in qualche modo si relazionano ai protagonisti.

Basta con i figli di, amici di fidanzati di vedove di e affini. Riteniamo che Il telespettatore non ne possa più di sopportare “spettacoli” del genere, che peraltro vedono coinvolti sempre i soliti noti senza spazio per i comuni mortali, ai quali proprio il GF avrebbe dovuto essere dedicato. Dal momento che le maestranze autorali non sembrano in grado di poter sfornare nuove tipologie valide di intrattenimento televisivo ci chiediamo: perché non riproporre in tv format storici di sicuro affidamento, in grado di riunire intere famiglie nei salotti delle case? Ovviamente si dovrà soltanto ricopiare di sana pianta ciò che dalla tv è stato proposto e con ampio successo in passato, altrimenti si corre il rischio di dover assistere a programmi storici come la Corrida, che nell'attuale edizione condotta da Carlo Conti, sembra una sorta di Tu si que vales, mentre Tu si que vales somiglia sempre di più alla Corrida condotta dal grandissimo Corrado, specie nell'angolo riservato ai personaggi bislacchi “prodotti “ da Jerry Scotti.

Leggi anche:

LORO 2, Sorrentino: 'Racconto la paura della vecchiaia e della morte'

Tv: Il Grande Fratello è diventato il Grande Nemico…

Anna Tatangelo torna alla musica con un nuovo singolo:''Chiedere scusa''

 

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi