Vuoi la tua pubblicità qui?
14 Aprile 2021

Pubblicato il

Il calendario delle polemiche

Tiziana Luxardo, fotografa romana, al centro delle polemiche per l’ultimo calendario, si racconta in questa intervista

di Redazione

Tiziana Luxardo, fotografa romana figlia d'arte, è finita al centro delle polemiche per il suo ultimo calendario Codacons 2021

Tiziana Luxardo, calendario, ottobre
Tiziana Luxardo, calendario, ottobre

Tiziana Luxardo, fotografa romana figlia d’arte, finita al centro delle polemiche per il suo ultimo lavoro, il calendario Codacons 2021, si racconta in questa intervista.

Cominciamo dal titolo, Italienza. Cosa aveva in mente?

Un progetto che fosse anche la celebrazione di un sentimento d’orgoglio che in questa pandemia gli italiani hanno potuto riscoprire. Abbiamo vissute paure, angosce e non è ancora finita ma abbiamo risposto col sorriso. E cantando, da un marciapiede all’altro, dalla strada al balcone, tutti uniti senza barriere. Ecco, volevo restituire questo forte senso di condivisione che forse avevamo un po’ perduto.

Concetto rimarcato dalla mascherina tricolore…

Assolutamente. La mascherina è un simbolo, quell’unico accento di colore nella serie di questi scatti in nero, che esalta la nostra territorialità. Sono italiana e lo rivendico. Per me è motivo di vanto, da esibire. 

Perché il nudo femminile fa indignare così tanto?

Saperlo! Sinceramente non avrei mai pensato che la rappresentazione di un nudo artistico femminile potesse suscitare tanto livore e trascinarsi dietro delle vuote polemiche sessiste. Mi chiedo: se si fosse trattato di un nudo maschile, la reazione sarebbe stata la stessa? Non credo. Cambiare le regole a seconda della convenienza è pericoloso, rischiamo di tornare indietro di decenni e cancellare anni di battaglie di emancipazione femminile.

Come risponde alle critiche?

Non c’era nessuna intenzione di offendere le donne, nessun messaggio ammiccante o volgare. Prima di essere donna, sono un’artista e probabilmente chi mi attacca non conosce la mia storia professionale.Trovo offensivo che il mio lavoro venga condannato con tanta approssimazione da persone – poche – che si arrogano il diritto di decidere cosa è arte e cosa non lo è. Cosa è opportuno e cosa non lo è. 

Cos’è l’arte per lei?

E’ bellezza, e per me la bellezza non può essere vestita. Probabilmente l’equivoco è nato qua. Non sono stata capita e mi dispiace ma raccontare la sensualità femminile non richiede patenti. Almeno non mi risulta. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il calendario, distribuito gratuitamente dal Codacons, sarà disponibile per il pubblico anche sul sito internet dell’associazione dei consumatori, da moltissimi anni al fianco dell’artista per la realizzazione di campagne di sensibilizzazione su importantissime tematiche sociali, tra cui il contrasto al bullismo e la lotta alla violenza sulle donne.

Da questa lunga collaborazione, sono nati alcuni progetti di successo, tra cui “Siamo uomini o caporali” (2016), contro lo sfruttamento e la violenza sulle donne nelle campagne italiane; “Bulli e pupe” (2017) sul tema del bullismo, “Il riscatto di Afrodite” (2018) sulla sessualità vista dagli occhi dei disabili, “All’alba vincerò” (2019), contro la ludopatia; “Si selfie chi può” (2020) sull’uso inconsapevole dei social network. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Al link di seguito è possibile scaricare le foto del calendario e il video di backstage.

A San Pietro l’accensione delle luci dell’albero di Natale, bellissime!

Feste di Natale con Dpcm, ma quindi cosa si può fare e cosa no?

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento