Vuoi la tua pubblicità qui?
31 Maggio 2020

Pubblicato il

Una donna si è incatenata davanti al palazzo del Comune di Artena

Felicetto Angelini «E' una questione tra privati, io ci posso fare poco»

Donna incatenata davanti al palazzo comunale di Artena
Donna incatenata davanti al palazzo comunale di Artena

Una donna si è incatenata davanti al palazzo del Comune di Artena. La donna ha appeso al collo un cartello con su scritto: «Attenzione. La mia è una protesta. Siamo rimaste 13 giorni sequestrate dai cani. Le autorità non mi stanno aiutando. Siamo disperate».

Dalle prime indiscrezioni la donna che si è incatenata davanti al palazzo comunale da diversi giorni ha problemi con i cani dei vicini. La signora ha anche effettuato diverse segnalazioni alle forze dell’ordine, alla Asl e al sindaco di Artena Felicetto Angelini.

Donna incatenata davanti al palazzo comunale di Artena
Donna incatenata davanti al palazzo comunale di Artena

«Dopo le mie segnalazioni hanno fatto dei sopralluoghi ma la situazione non è stata risolta». Ci dichiara la donna. «Siamo costrette a restare barricate in casa, con una donna anziana disabile al 100%».

Il primo cittadino di Artena, Felicetto Angelini, contattato telefonicamente ci ha dichiarato: «E’ una questione tra vicini. Noi, come Comune, ci possiamo fare ben poco. Nei giorni scorsi quando ho ricevuto la segnalazione mi sono subito adoperato a girare le informazioni agli uffici competenti. La Polizia Locale ha effettuato dei sopralluoghi. La signora ha un cancelletto in comune con il vicino, proprietario di diversi “cagnolini”. Dovrebbe mettere una rete e chiuderlo. Non ci possiamo pensare noi. La segnalazione è stata mandata anche alla Asl, ma presumo che in questo periodo hanno altro a cui pensare. Mi dispiace molto per questa situazione».

Leggi anche: Roma, via Fani. Corpo carbonizzato sul terrazzo, bruciato dalla moglie

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi