Vuoi la tua pubblicità qui?
12 Agosto 2020

Pubblicato il

Amministratore in torre d'avorio

Zaghis prova a eliminare Cgil in Ama. Mai successa una cosa simile, denuncia il sindacato

di Redazione

"È un fatto grave, che allontana ancor di più l'amministratore di Ama dalla realtà, barricato com'è in una torre di avorio"

zaghis prova a eliminare cgil
Amministratore Unico Ama, Stefano Zaghis

Zaghis prova a eliminare Cgil in Ama.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Oggi è successo qualcosa di inedito: l’amministratore unico di Ama, Stefano Zaghis, in difficoltà su tutti i fronti, ha deciso di evitare gli interlocutori scomodi. Incapace di rispettare gli accordi e intollerante a ogni forma di democrazia sindacale.

Zaghis per cercare di scavalcare le organizzazioni sindacali aziendali e territoriali, ha convocato le strutture nazionali”. Così in una nota la Fp Cgil di Roma e Lazio.

“Zaghis, cattivo padrone, non accetta il dissenso”

“Uno spettacolo desolante- spiega la nota- Lo ha fatto nel solito modo da cattivo padrone, minacciando questa convocazione del tavolo con Roma Capitale. Il tavolo che cerca di gestire il disastro sociale causato dalle sue stesse scelte.

Fare cassa mettendo in strada 270 lavoratori degli appalti per la raccolta porta a porta delle utenze non domestiche. Evidentemente convinto di trovare interlocutori più morbidi”.

“Non accetta il dissenso – continua la nota – Un dissenso maturato in mesi di gestione opaca, di salari aumentati fuori da ogni regola e in modo occulto. Procedure di assunzione aperte in barba agli accordi e senza alcun confronto, accordi non mantenuti, trasferimenti fatti senza regole e senza esame congiunto.

Linea antisindacale dell’azienda Ama

Una gestione dell’emergenza Covid dilettantistica, operata con l’esautorazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Una gestione dell’emergenza sanitaria fatta tramite decisioni orientate alla costante umiliazioni delle lavoratrici e dei lavoratori”.

“Il tavolo di oggi è stata una farsa“, prosegue la nota. “La Fp Cgil nazionale ha deciso di non prestarsi e di non farsi strumentalizzare. Il sindacato ha delegato la struttura regionale a partecipare, affinché fosse chiaro che non si legittima un’azienda che ha interrotto le relazioni sindacali.

Il paradosso della inutile convocazione di oggi è che prosegue, anzi si palesa con più forza, la linea antisindacale di questa Ama sgangherata. Non sono state convocate le rsu, non sono state convocate le organizzazioni territoriali”.

Zaghis prova a eliminare Cgil in Ama, goffo tentativo dell’Amministratore Unico

“Il contenuto? Nessuno – sottolinea la Fp Cgil – Un goffo tentativo di azzittire chi chiede regole e trasparenza. Chi chiede che Ama la smetta di usare i trasferimenti a fini clientelari e di avere dinamiche salariali non legate alle solite logiche feudali. Azzittire chi vuole un’Ama nuova, percorsi di carriera, assunzioni trasparenti, lavoro dignitoso, una prospettiva industriale vera”.

“È un fatto grave, che allontana ancor di più l’amministratore di Ama dalla realtà, barricato com’è in una torre di avorio sempre più povera. Una torre sempre più incapace di offrire un servizio dignitoso, senza progetti, senza bilanci da tre anni.

In 10 mesi Zaghis non è stato nemmeno in grado di approvare il bilancio 2017, che aveva promesso di approvare entro la fine di dicembre del 2019.

La riunione si è conclusa con una sbilenca proposta su un possibile protocollo sulle relazioni sindacali tra Ama e le organizzazioni sindacali nazionali.

Speriamo che le altre organizzazioni, confederali e non, si oppongano a una simile messa in scena. A un tentativo di sanare attraverso questo espediente tutte le violazioni del contratto nazionale operate da un management inadeguato. Dirigenti incapaci di assolvere al difficile ruolo che sono chiamati a ricoprire”. (Com/Mtr/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento