Vuoi la tua pubblicità qui?
12 Luglio 2020

Pubblicato il

200 persone a casa; azienda in Bulgaria

di Redazione

A Rieti la politica deve intervenire. Si rischia di andare contro la Comunità Europea

Chiudere lo stabilimento della Schneider non corrisponde alle norme europee, per cui si dovrebbero aspettare minimo tre anni di attività produttiva, proprio come impone la Comunità Europea. Il piano di chiusura e trasferimento in Bulgaria andrebbe rivisto, dato che uno dei maggior clienti dell'azienda è anche l'Enel, evitando così di lasciare senza lavoro 200 persone. A tal fine, la politica si deve mobilitare e questo è lo stesso pensiero del segretario generale della Uil di Rieti, Alberto Paolucci.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi