Vuoi la tua pubblicità qui?
06 Luglio 2020

Pubblicato il

Artena,abbandono selvaggio di rifiuti, 100 multe da inizio porta a porta

di Manuel Mancini

Antonio Panzino: “Non sono solo i cittadini dei comuni limitrofi. Rubata una fototrappola”

Sono un centinaio, da inizio raccolta rifiuti porta a porta, le persone colte in flagrante dagli 'occhi' elettronici delle fototrappole mentre gettavano rifiuti, materiali di risulta, bustoni di immondizia e rifiuti ingombranti “in maniera selvaggia” nel territorio del Comune di Artena. A rendere noto il bilancio delle attività della Polizia Municipale, è il Comandante Antonio Panzino. 

Le immagini riportate dalle fototrappole sono un insulto per la città e per tutti i cittadini che rispettano le regole. Vedere con quanto sprezzo e con quanta indifferenza queste persone abbandonano i rifiuti per strada. La strada intrapresa con i controlli e con le sanzioni è quella giusta perché i cittadini che conferiscono correttamente non meritano di pagare per l’inciviltà di alcuni e, soprattutto, perché chi abita nei pressi di quelle zone non merita di dover sopportare una discarica a cielo aperto a due passi da casa.

“Le fototrappole installate sono 6; gli cambiamo di postazione ogni 2/3 giorni, per un monitoraggio continuo di tutta la zona – afferma Panzino – La situazione più critica l’abbiamo registrata a Casa Collonella, Macere, mentre la zona più pulita è il Colubro. Non sono solo cittadini dei comuni limitrofi a gettare i rifiuti selvaggiamente, ma anche cittadini residenti ad Artena. La sanzione che viene e verrà applicata per chi trasgredisce dalle regole è di 600,00 € in base al decreto legislativo sull’ambiente (viene applicato il doppio del minimo della sanzione); per i rifiuti pericolosi (amianto, calcinacci) 1200,00 €”.

Non è mancato l’episodio spiacevole: “Una fototrappola è stata rubata. Era installata in via Giulianello ed è stata asportata dal palo cui era appesa – continua Panzino – Sarà stato il cittadino con la coscienza sporca”. Le sanzioni emesse e il continuo monitoraggio con le fototrappole serve per scoraggiare chi pensa di poter derogare al corretto conferimento, abbandonando rifiuti nelle zone di campagna e insudiciando la città, “Mi auguro che diminuiscano le sanzioni emesse”, conclude il Comandante della Polizia Municipale di Artena, Antonio Panzino.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi