Vuoi la tua pubblicità qui?
02 Agosto 2021

Pubblicato il

Minacce e percosse

Nuova condanna per la banda dei fratelli Bianchi di Artena: hanno pestato padre e figlio per 20 euro

di Chiara Fedeli
Spunta un altro nome tra quelli che compongono la ormai tristemente nota Banda di Artena. Un altro nome che corrisponde a una nuova condanna
Omicidio Willy
Fratelli Bianchi

Ancora oscuri risvolti per la banda di Artena. Esce fuori un altro nome, ma l’iter è sempre lo stesso. A finire in carcere è questa volta Andrea Cervoni, membro dello stesso gruppo e condannato a 3 anni di reclusione per una vicenda risalente al 2019, legata allo spaccio di cocaina. 

Le indagini dei Carabinieri continuano a portare alla luce del sole le vicende legate al traffico di droga della banda, nonché il loro modus operandi. Reiterato, sempre uguale, quasi un copione: le azioni dei Bianchi e della loro gang non si fermavano mai alle sole minacce. Queste prevedevano anche aggressioni nei confronti di chi tardasse con i pagamenti, e anche nei confronti dei loro familiari.  

A fine giugno i “gemelli” Bianchi, Marco e Gabriele, che oltre che nella condotta, si somigliano anche fisicamente, assieme a Cervoni e un quarto, Omar Shabani hanno percosso ferocemente un ragazzo di Lariano indebitato per una somma pari a 20 euro. E non si sarebbero fermati qui. Oltre al giovane, la banda avrebbe picchiato anche il padre del ragazzo del Comune in provincia di Roma. Per gli stessi fatti i Bianchi sono stati già condannati a 5 anni e 4 mesi. Un’altra persona coinvolta, Omar Palone, a 2 anni e 8 mesi. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Altri precedenti dei fratelli Bianchi, accusati, lo ricordiamo, dell’omicidio del 21enne di Colleferro Willy Monteiro Duarte, riguardano l’aggressione a un addetto alla sicurezza dell’outlet di Valmontone e quella nei confronti di un vigile urbano intento a far rispettare le misure anti-Covid. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Giovedì prossimo è attesa una nuova udienza del processo per la morte di Willy di fronte alla Corte d’Assise del Tribunale di Frosinone. 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento