Pubblicato il

Caso Ferragni: ecco il ddl beneficenza, multe fino a 50 mila euro

di Redazione
Dopo il caso Ferragni - Balocco, con tutte le polemiche tra politica e influencer, arriva la bozza del ddl Beneficenza
Chiara Ferragni
Chiara Ferragni
Vuoi la tua pubblicità qui?

Dopo il caso Ferragni – Balocco, con tutte le polemiche e i botta e risposta tra politica e influencer, approda in consiglio dei ministri la bozza del ddl Beneficenza.

Ddl Beneficenza, obblighi e sanzioni

Sul tavolo le misure da attuare per evitare che le iniziative di beneficenza siano poi in realtà solo operazioni di marketing che traggono in inganno i cittadini.

Tra le misure adottate ci sarà l’obbligo di indicare sui prodotti le finalità dei proventi e il destinatario della beneficenza, l’importo o la quota destinati a quel fine. In caso di inadempienza sono previste sanzioni da 5mila a 50 mila euro, con la possibilità di sospensione dell’attività per un anno in caso di violazioni reiterate.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Si prevede inoltre l’obbligo, prima della messa in commercio dei prodotti, di indicare all’Autorità quelle informazioni obbligatorie, nonché il termine entro cui sarà versato l’importo destinato alla beneficenza.

Lo scopo è rendere il più trasparente possibile la destinazione a scopo benefico dei prodotti messi in commercio. A vigilare e irrogare le sanzioni l’Antitrust.

Influencer nel mirino

Farà certamente scalpore nel mondo degli e delle influencer la clausola che prevede l’obbligo di pubblicare sul proprio sito il provvedimento sanzionatorio ricevuto.

L’Antitrust, è scritto nella bozza, “pubblica, anche per estratto, i provvedimenti sanzionatori adottati su una apposita sezione del proprio sito internet istituzionale, sul sito del produttore o del professionista destinatario della sanzione, su uno o più quotidiani, nonché mediante ogni altro mezzo ritenuto opportuno in relazione all’esigenza di informare compiutamente i consumatori a cura e spese del produttore o del professionista“. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

La sanzione va da 5 mila a 50 mila euro ed è determinata per ogni singolo caso, facendo riferimento al prezzo di ciascun prodotto venduto e dalle unità poste in commercio.

*Immagine dal profilo Instagram ufficiale Chiara Ferragni

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?