28 Febbraio 2021

Pubblicato il

Coronavirus, Cani e gatti non si infettano con il virus “2019nCoV”

di Redazione

Anche l’Ordine dei Medici Veterinari di Roma e provincia precisa che gli animali non rappresentano fonte di rischio

Cani e gatti non lo trasmettono agli esseri umani. Anche l’Ordine dei Medici Veterinari di Roma e provincia precisa che gli animali non rappresentano fonte di rischio.

Cani e gatti non si infettano con il virus “2019nCoV” e non lo trasmettono agli esseri umani.

Anche l’Ordine dei Medici Veterinari di Roma e provincia precisa che gli animali non rappresentano fonte di rischio in alcun modo per le persone e invitano, anzi, a non prendere atto delle numerose fake news che girano sui social o notizie non precise.

A tal proposito condividono una nota diffusa dalla Wsava.

“Come posso proteggere me stesso e il personale della mia clinica veterinaria?” I consigli della WSAVA che aggiorna le faq e conferma: pets non ricettivi.

L'Associazione mondiale dei veterinari per animali da compagnia (WSAVA) ha  aggiornato le faq sul nuovo Coronavirus. I consigli dell'Advisory Document riguardano anche la protezione dei Medici Veterinari.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per questi ultimi, la WSAVA rimanda alla guida per  healthcare professionals del Centro di prevenzione degli Stati Uniti ( CDC).

I consigli sono in linea con quelli della WVA, l'Associazione Mondiale dei Veterinari, e dell'OMS. Si applicano ai professionisti, agli ambienti sanitari e al personale.

I Medici Veterinari sono  incoraggiati a tenersi informati sull'evoluzione epidemiologica, facendo riferimento alle fonti sanitarie ufficiali del loro Paese.

Per eventuali restrizioni alle attività professionali, i Medici Veterinari e i loro staff devono attenersi alle disposizioni governative e locali.

Vuoi la tua pubblicità qui?

E' consigliato  valutare costantemente il proprio rischio di esposizione al contagio, evitando la vicinanza con persone malate e restando a casa dal lavoro se ammalati a propria volta.

Per prevenire il nuovo coronavirus- ribattezzato SARS Cov2- sono raccomandati gli ordinari comportamenti di prevenzione e di igiene personale indicati dall'OMS, pulire e disinfettare oggetti e superfici frequentemente toccati.

Al di fuori degli utilizzi professionali, le mascherine anti Covid-19 sono raccomandate solo se si è ammalati o a contatto con persone ammalate.

Nei confronti degli animali in cura i Medici Veterinari devono continuare ad applicare principi e protocolli di biosicurezza e le ordinarie precauzioni di manipolazione degli animali.

Gli animali domestici, pets inclusi,  non sono ricettivi al virus Covid-19. Il caso del cane Pomerania, in via di accertamento ad Hong Kong, non ha modificato le evidenze scientifiche ad oggi disponibili.

Federica Rinaudo
Giornalista
Ufficio stampa e comunicazione

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento