Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Maggio 2021

Pubblicato il

Governo: Bis, mio caro bis. Accordo M5S-Pd per un secondo mandato a Conte

di Mirko Ciminiello

“Cesare! Il popolo chiede sesterzi!” Al che il grande condottiero avrebbe risposto: "Digli che vado dritto!"

Un’ormai vetusta facezia vuole che Gaio Giulio Cesare un giorno si sentisse apostrofare come segue: “Cesare! Il popolo chiede sesterzi!” Al che il grande condottiero avrebbe risposto: “Digli che vado dritto!” Questa breve freddura racchiude appieno il senso dell’accordo tra M5S e Pd per un Governo che piacerà alla gente che piace, ma sarà inviso alla stragrande maggioranza degli elettori, non foss’altro perché i dem saranno al potere, per la quarta volta negli ultimi sei (o otto) anni, senza mai essere stati legittimati dalle urne.

I cittadini, infatti, avevano espresso ripetutamente la propria volontà in tutte le tornate elettorali successive alle Politiche del 4 marzo 2018. Regionali, Amministrative, Europee hanno sempre indicato una sola strada. E, per un po’, quella strada era sembrata tornare l’unica percorribile.

Nella notte, infatti, i grillini avevano dato fuoco alle polveri. «Nessun nuovo incontro col Pd senza il sì a Conte» aveva tuonato il capo politico Luigi Di Maio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Cui avevano prontamente – e altrettanto duramente – risposto dal Nazareno: «L’accordo di Governo rischia di saltare per le ambizioni personali di Luigi Di Maio che vuole fare il Ministro dell’Interno e il Vicepremier».

E così lo «spettacolo indecoroso» (copyright Carlo Calenda) era proseguito in un crescendo di tensione sfociato nell’annullamento del meeting mattutino tra le delegazioni delle due forze in trattativa; e nel rinvio della Direzione dei dem, da tenersi a un soffio dalla salita al Quirinale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Sembrava l’assassinio di un Governo mai nato, e invece, improvvisa, è arrivata la nota di Palazzo Chigi che smentiva che Giggino avesse mai chiesto per sé il Viminale. Tanto è bastato per sbloccare l’impasse e assicurare al Premier Giuseppe Conte il sospirato bis.

Cosa che, peraltro, dovrebbe far riflettere: l’avvocato d’Italia non doveva essere super partes nell’esecutivo giallo-verde? Un suo secondo mandato – ma col Partito Democratico – non farebbe quindi ipso facto strame della sua pretesa imparzialità?

Comunque sia, resta ancora uno scoglio da superare: la votazione su Rousseau, la piattaforma online su cui i pentastellati consultano occasionalmente i propri aficionados in una parodia di ciò che chiamano “democrazia diretta”. Di fatto, il MoVimento è in subbuglio perché gli umori degli iscritti sono chiarissimi e, salvo manipolazioni, non depongono affatto a favore dell’alleanza con quello che negli ultimi anni hanno amabilmente soprannominato “partito delle banche” o “partito di Bibbiano” – quando non rivolgevano direttamente ai suoi esponenti epiteti da bettola.

Pare che qualcuno, anche tra i big Cinque Stelle, abbia perfino avanzato l’ipotesi di bypassare il voto sul Governo rosso-giallo, magari col pretesto dei tempi troppo ristretti. Gran brutta cosa la democrazia, quando la base non si esprime come vuole chi detiene il comando.

Ma anche i vertici dovrebbero procedere con cautela. Perché c’è una postilla che la barzelletta su Cesare non menziona: a forza di tirare dritto, prima o poi si va inevitabilmente a sbattere.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nicola Zingaretti, l'uomo che vedeva passare i treni

Ecco quanto i cittadini del Lazio pagano di tasse

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento