Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Agosto 2022

Pubblicato il

Din Don Dan

La forza della preghiera, coscienza di essere Figlio di Dio

di Redazione
La coscienza di essere Figlio di Dio matura nell’esperienza della preghiera e deve essere insistente perché si possa apprezzarne l’efficacia
Il Capocordata in montagna
Il Capocordata

La preghiera è un tratto peculiare di Gesù. Le preghiere di Gesù contribuiscono alla comprensione della sua filiazione divina. La coscienza di essere Figlio di Dio matura nell’esperienza della preghiera; essa deve essere insistente perché si possa apprezzarne l’efficacia.

Pregare il Padre (Lc. 11, 1-13)

Gesù prega in un luogo da solo; i suoi discepoli sono attirati dalla sua orazione ed esprimono il desiderio di imparare a pregare, così come anche Giovanni ha istruito i suoi seguaci (v. 1). I discepoli vogliono imitare l’atteggiamento orante del Maestro, e ancor di più ricevere precise indicazioni su come pregare.

La versione lucana del “Padre nostro” è più breve rispetto a quella di Matteo. La preghiera è rivolta a Dio, invocato col titolo di Padre; la preghiera è anzitutto un atto di filiazione. E’ attraverso di essa che i discepoli possono sperimentare la paternità divina, così come il perdono e la generosità consentono di imitare la compassione del Padre.

Seguono cinque brevi richieste, di cui le prime due riguardano Dio e le successive concernono le relazioni umane. Il nome “Padre” designa l’essenza stessa del divino e la “santità” esprime la sua condizione di alterità e di trascendenza rispetto alle sue creature, ma indica anche la meta a cui deve tendere ogni uomo: essere santo come Dio è santo. La prossimità del regno di Dio è proclamata da Gesù e dai suoi discepoli ed è già presente, ma il cristiano ne invoca la piena manifestazione e si impegna a vivere cercando anzitutto la regalità divina. (v. 2).

Chi crede in Dio e lo riconosce come Padre sa di poter affidare a lui le proprie necessità e i propri bisogni, anche materiali, come il pane, essenziale per il suo nutrimento. La richiesta del pane (v. 3) riguarda la quotidianità, e ricorda il dono della manna nel deserto. Il pane invocato è destinato a essere condiviso: è il “nostro” pane che contribuisce ad alimentare i legami di solidarietà fraterna.

Non di solo pane vive l’uomo: egli ha bisogno del perdono divino (v. 4), perché sa che la sua condizione di peccatore lo allontana da Dio, autore e fonte della vita. Riconciliato con il Signore, egli è in grado di condonare i debiti/peccati del suo debitore/offensore se si pente. Infine, al Padre celeste, l’orante chiede di non essere abbandonato nell’ora della prova; la preghiera è il rimedio più efficace per non soccombere alla tentazione e preservarsi nella fedeltà a Dio.

Una preghiera invadente?

Per dimostrare quanto sia efficace la preghiera, Gesù propone ai suoi discepoli di immedesimarsi nella condizione di aver bisogno di recarsi da un amico a mezzanotte per ottenere in prestito tre pani, così da poter provvedere a sfamare l’ospite che è giunto da un viaggio (vv. 5-6).

La reazione dell’amico importunato nel cuore della notte è inizialmente improntata al rifiuto: non vuole essere infastidito perché la porta nella sua abitazione è già chiusa e i bambini sono già a letto. Ciò di cui ha bisogno non sarà ottenuto per amicizia, ma per mezzo della sua insistenza. In effetti, chi bussa a mezzanotte e chiede all’amico il prestito di tre pani non demorde di fronte all’iniziale diniego da parte dell’amico; insiste, e alla fine riceve quanto chiesto. La sua è, quanto meno, una richiesta sfacciata, perché non tiene conto dell’orario tardo e delle circostanze in cui l’amico si trova.

Il Padre dona lo Spirito Santo

Le istruzioni di Gesù riprendono e approfondiscono i temi già sviluppati nella parabola dell’amico sfacciato; i verbi “chiedere”, “cercare” e “bussare” (vv. 9-10) corrispondono alla richiesta insistente che consente di ottenere i pani di cui si ha bisogno. La preghiera autentica, fatta con fede, ottiene ciò che chiede; trova ciò che cerca; spalanca le porte a cui si è bussato.

Gesù non si limita a fornire indicazioni esclusivamente sul piano teorico, ma coinvolge il suo uditorio attingendo alla relazione padre-figlio; l’esperienza della preghiera può essere paragonata alla cura che un padre riserva nei confronti del figlio, al quale garantirà tutto ciò che è necessario per la sua alimentazione e la sua crescita. Nessun padre darà una serpe al figlio che gli chiede un pesce, o uno scorpione anziché un uovo (vv. 11-12).

Gesù dimostra che se i padri terreni, che sono cattivi, sanno dare cose buone ai loro figli, quanto più il Padre celeste concederà lo Spirito Santo a coloro che glielo chiedono. La richiesta dello Spirito Santo (v. 13) si aggiunge alla triplice petizione contenuta nella preghiera del Padre nostro, relativa al pane quotidiano, alla remissione dei peccati e alla richiesta di non essere introdotti in tentazione.

E’ l’unica volta in cui lo Spirito Santo è presentato come un dono divino da invocare nella preghiera: disceso su Maria, è descritto come la Potenza di Dio che si posa su di lei perché concepisce il Figlio dell’Altissimo; l’attività del Battista prepara il battesimo che il Cristo imporrà in Spirito Santo e fuoco; su Gesù discende sotto forma di colomba e una voce dal cielo rivela la sua figliolanza divina; la missione di Gesù è sotto l’egida dello Spirito. Lo Spirito è promesso agli apostoli in vista della testimonianza che essi dovranno rendere al Risorto e rappresenta il legame tra la missione di Gesù e dei suoi testimoni.

Sì, è proprio lo Spirito Santo il dono più grande perché è lui che apre il nostro cuore alla preghiera sincera, autentica. Lui che guida i nostri passi sulla strada che Gesù ha inaugurato con la sua vita, con le sue scelte, con la sua morte e risurrezione. Solo lo Spirto può rischiarare le nostre zone oscure e farci discernere l’essenziale che dà senso e sfocia nell’eternità.                      

Il Capocordata.

Bibliografia consultata: Landi, 2022; Laurita, 2022.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo