Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2021

Pubblicato il

Non è tempo per la Messa ma le campane non suonano invano

di Redazione
Non è tempo per la Messa e andare e tornare dal luogo di culto non è una semplice abitudine ma ci apre sempre a nuove prospettive e a nuovi incontri
Messa, Chiesa dell'Assunta, Valmontone
Chiesa dell'Assunta, Valmontone

Non è tempo per la Messa, bisogna ancora attendere che arrivi il permesso di celebrare e assistere alla messa. E in questi giorni di pandemia è stata soprattutto la preghiera l’espressione dei fedeli più penalizzata. Con la chiusura dei luoghi di culto il momento devozionale si è spostato nelle case in forma solitaria ma non basta. Il senso di comunità e di vicinanza viene a mancare inesorabilmente, e quindi anche la condivisione spirituale. In tempi in cui la tecnologia sembra aver accorciato tutte le distanze, neanche i nuovi strumenti digitali possono rimpiazzare lo spirito della preghiera collettiva. Se guardiamo in streaming la funzione religiosa non vuol dire che stiamo  partecipando, stiamo solo ascoltando una semplice predica. Perché la preghiera ha delle condizioni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per partecipare a una preghiera collettiva si deve condividere lo stesso spazio fisico con i sacerdoti e gli altri fedeli. Anche lo stesso andare e tornare dal luogo di culto non è una semplice abitudine ma cambia di volta in volta. Ci apre sempre a nuove prospettive, a nuovi incontri, a riflessioni e confessioni, a confronti e piccoli esempi di solidarietà e vicinanza con le persone in difficoltà  fisiche e morali… Tutto questo viene a mancare, in tempi di pandemia e le strade, le case, le piazze, che in tempi normali attraversiamo per recarci nei luoghi religiosi, aspettano con ansia il ripopolamento spirituale. Non è tempo per la Messa ma le campane continuano a suonare. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Manlio Milana

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo