Vuoi la tua pubblicità qui?
31 Gennaio 2023

Pubblicato il

Tenevano la figlia come una schiava

Roma. 14enne ridotta in schiavitù, costretta a chiedere l’elemosina denuncia i genitori

di Redazione
Genitori padroni obbligano la figlia minorenne a svolgere lavori domestici non adatti per una bambina della sua età e a chiedere l'elemosina
Polizia di Stato
Polizia di Stato, Commissariato di Roma

A ottobre non ce l’ha fatta più e si è recata spontaneamente in Questura a Roma. Qui tra le lacrime ha raccontato l’inferno che ha subito per anni all’interno del proprio nucleo familiare. Per una ragazza di 14 anni non c’è stato altro da fare che denunciare i genitori, una coppia di origini bosniache: i due, con violenza fisica e verbale, l’avevano costretta a vivere di stenti, obbligandola a svolgere lavori domestici non certo adatti per una bambina della sua età, e forzata a chiedere l’elemosina nei pressi di un supermercato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Addirittura l’avrebbero promessa in matrimonio a uno sconosciuto in cambio di denaro, nonostante il suo chiaro rifiuto. Per questo motivo, al termine di accurate indagini gli agenti della Polizia di Stato del IV Distretto San Basilio hanno dato esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale, su richiesta della D.D.A. nei confronti della coppia, marito e moglie, rispettivamente di 41 e 36 anni, gravemente indiziati, in concorso tra loro, dei reati di riduzione o mantenimento in schiavitù e di lesioni personali gravi, con l’aggravante di aver commesso tali delitti nei confronti della figlia 14enne.

Il Giudice per le Indagini Preliminari ha disposto per l’uomo la custodia cautelare in carcere, mentre la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari. La ragazza, subito dopo la denuncia, è stata immediatamente collocata in una struttura protetta dove tuttora permane.

A ogni modo tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile. (Enu/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo