Vuoi la tua pubblicità qui?
05 Dicembre 2021

Pubblicato il

Si è spento a Roma all’età di 84 anni, Gianni Boncompagni

di Redazione
E’ stato conduttore radiofonico, paroliere, autore e regista televisivo, Boncompagni fece coppia fortunatissima con Renzo Arbore

E' morto a 84 anni, a Roma, Giandomenico Boncompagni, meglio conosciuto come Gianni. E’ stato un conduttore radiofonico, paroliere, autore e regista televisivo. Nato in Toscana da padre militare dei ruoli amministrativi e madre casalinga, a 18 anni si trasferì in Svezia, dove visse dieci anni svolgendo vari lavori, diplomandosi all'Accademia svedese di grafica e fotografia e iniziando l'attività di conduttore radiofonico per la radio svedese. In Svezia si sposa con un'aristocratica e ha da lei tre figlie, tra cui l'autrice televisiva Barbara. La moglie lo lascerà di lì a breve, e lui chiederà e otterrà la patria potestà, crescendo le figlie da ragazzo padre in Italia. Gianni Boncompagni è ateo: nell'intervista a Claudio Sabelli Fioretti, pubblicata su “Io Donna”, supplemento al Corriere della Sera del 4 maggio 2012, ha dichiarato: "Io sono sempre stato ateo e morirò ateo".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tornato in Italia, vinse nel 1964 il concorso Rai per programmatore di musica leggera, ed iniziò a lavorare nella radiofonia Rai dove ebbe un grandissimo successo assieme a Renzo Arbore, nei programmi culto a cavallo tra gli anni sessanta e settanta come "Bandiera Gialla" e "Alto gradimento", determinanti per la diffusione della musica beat in Italia. La coppia creò un nuovo modo di fare intrattenimento, basato sul non-sense, sulla creazione di tormentoni, sull'improvvisazione e l'imprevedibilità.

Nel 1977 Boncompagni approda sugli schermi tv della Rai, dove conduce il programma musicale "Discoring", anche questo di straordinario successo: fu uno dei primi programmi musicali destinato a un pubblico esclusivamente giovanile, con un proprio gergo, e con le ultime tendenze del momento sia musicali sia nell'abbigliamento.

Da allora le esperienze televisive si susseguirono continuamente: "Superstar" e "Drim", per quasi 10 anni in coppia con Giancarlo Magalli come autore, "Sotto le stelle" e "Che Patatrac".

Oggi è conosciuto soprattutto come autore e regista di trasmissioni di grande successo popolare: "Pronto Raffaella?" che consacrò la sua ex compagna Raffaella Carrà che vinse nel 1984 il titolo di Personaggio televisivo femminile a livello europeo consegnato dalla European TV Magazines Association e per la quale scrisse spesso i testi di alcune delle sue più famose canzoni. Proseguì con "Pronto, chi gioca?" che lanciò la carriera televisiva di Enrica Bonaccorti. Dal 1987 al 1990 curò l'ideazione e la realizzazione di "Domenica In", dove sdoganò Edvige Fenech, già famosa come icona sexy grazie ai film scollacciati degli anni '70, e Marisa Laurito che grazie a lui consolidò la sua fama televisiva. Fu proprio a Domenica In che nacque l'idea a basso costo del cruciverbone e del pubblico di ragazzine figuranti, dotate di talento o semplicemente carine e petulanti, che preludevano quelle che saranno poi protagoniste di "Non è la Rai". 

Boncompagni fu tra quelli che misero in circolazione la voce che Mia Martini portasse sfortuna, determinandone un lungo periodo di lontananza dalla musica. In un'intervista a "Epoca" del 5 marzo 1989 la stessa Mia Martini ricordava: "La delusione più cocente me la diede Gianni Boncompagni, un amico per l’appunto. Una volta fui ospite a Discoring, lui era il presentatore. Appena entrai in studio sentii Boncompagni che diceva alla troupe: ragazzi, attenti, da adesso può succedere di tutto, salteranno i microfoni, ci sarà un black out". In un'altra intervista con Enzo Tortora la Martini definì Boncompagni "detestabile".

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?