Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Luglio 2021

Pubblicato il

Si tuffa nel lago da una gru: 23enne di Labico muore annegato in Svizzera

di Redazione

Appello di solidarietà lanciato dalla comunità per aiutare la famiglia a riportare il figlio in Italia

È morto per annegamento il ragazzo di 23 anni domiciliato nel canton di Zurigo ma originario di Labico, che domenica 24 settembre si è tuffato nel lago, per cause ancora da chiarire, a Zurigo da una gru e non è più riemerso. Lo ha rivelato l’autopsia. L’incidente è avvenuto intorno alle 19:30. Il ragazzo si è tuffato da una gru fissa, che appartiene a un’impresa di costruzioni e si trova in riva al lago nel quartiere di Wollishofen, a due passi dal centro culturale Rote Fabrik.

Allarmata da diversi passanti che hanno assistito alla scena, la polizia lacuale è arrivata rapidamente sul posto e verso le 20:00 i sommozzatori hanno recuperato il corpo dello scomparso da una profondità di 3,5 metri. L’uomo è spirato in ospedale verso le 22.30. La seconda persona saltata dalla gru è nel frattempo stata rintracciata. Stando a una nota della polizia cittadina, il secondo uomo che si è tuffato nel lago da un’altezza di 10 metri, ma è fuggito prima dell’arrivo dei soccorsi, si è nel frattempo presentato a un posto di polizia ed è stato interrogato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La comunità di Labico si è stretta al cordoglio della famiglia e ha lanciato un appello di solidarietà per aiutare quest’ultima a riportare in Italia la salma del giovane figlio, deceduto in Svizzera in circostanze ancora da definire. “Confidiamo nell’aiuto di tutti come avvenuto in altre occasioni, a dimostrazione della sensibilità del nostro paese. Il punto di raccolta fondi è la cartoleria di Anna Paris, in via Giacomo Matteotti 22”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento