Pubblicato il

17 anni al gioielliere aggredito ma lo Stato come difende il cittadino?

di Redazione
Intanto la politica non tutela i cittadini. Pensa alle campagne elettorali permanenti, alle riunioni populiste dei leader, ai litigi per il Presidenzialismo
Palazzo Chigi a Roma
Vuoi la tua pubblicità qui?

Se è vero che le sentenze vanno rispettate è anche vero che va rispettata la proprietà e la dignità della persona. Da questa sentenza che condanna il gioielliere Mario Roggero a 17 anni di reclusione per aver ucciso due rapinatori e ferito un terzo mentre fuggivano, si percepisce il malumore di molti cittadini che non si sentono tutelati dallo Stato. Anzi, molti ritengono che si abbia maggior interesse a risarcire il danno subito dai ladri piuttosto che a comprendere le condizioni nelle quali si è trovato la vittima del furto. Roggero cinque anni prima aveva subito un altro furto, finendo anche in ospedale, massacrato di botte dai rapinatori.

La legge delega le forze dell’ordine a garantire la sicurezza e al diritto di fermare o arrestare chi commette reati. Ma dovrebbe essere una prerogativa di ogni onesto cittadino avere licenza di reagire per fermare chi commette reati alla propria persona e impedire di essere derubato. Come non vedere un vuoto legislativo e un garantismo solo per chi delinque? Uccidere un essere umano senza un perché non è ammissibile ma la vicenda che ha portato alla pesantissima condanna del gioielliere ce li ha dei perché, eccome.

Il risarcimento ai familiari dei rapinatori

Nel dispositivo di sentenza è poi disarmante il risarcimento accordato ai familiari dei rapinatori morti. Invece di indagare i familiari stretti per un possibile ruolo di correi, perché come non ipotizzare che siano al corrente del “lavoro” che svolgono i loro mariti, figli, fratelli, sì dà loro un risarcimento. I familiari stretti, che spesso condividono con i rapinatori il profitto dei furti e delle rapine, possibile non si accorgano di nulla?

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dovrebbe essere la società civile tutta ad avere un risarcimento dai delinquenti perché impauriscono, producono insicurezza e mettono in pericolo, con le loro azioni delittuose, le vite di chi vorrebbe vivere in pace.

Intanto la politica non studia le mosse per tutelare i cittadini. Pensa alle campagne elettorali permanenti, alle riunioni populiste di questo o quel leader, ai litigi per il Presidenzialismo. E non ascolta la voce, sempre più flebile, dei cittadini vessati, resi insicuri, intimoriti dai delinquenti impuniti e “premiati”. La gente vuole vivere tranquilla, pagare le tasse e ottenere giusti servizi e aspettarsi, dalla politica, leggi ferree contro le “bestie” e più libertà per chi viene attaccato, aggredito e maltrattato in casa sua.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Roberto Spaziani

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?