Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Settembre 2021

Pubblicato il

Incredibile ma vero

A Fiumicino aeroporto nessun controllo del Green Pass, l’incredibile denuncia di un deputato

di Redazione
"Il Ministero dei Trasporti chiarisca se si è trattato di un caso eccezionale o di una pratica comune"
aeroporto controllo green pass
Aeroporto, controlli autenticazione Green Pass

“Mentre centinaia di migliaia di attività stanno, non senza difficoltà operative, controllando le certificazioni verdi dei clienti e degli utenti come previsto dalla legge, nel principale aeroporto della Capitale si può entrare e imbarcarsi senza controlli sull’autenticità del green pass tramite lettura del QR code. Il Ministero dei Trasporti chiarisca se si è trattato di un caso eccezionale o di una pratica comune”.

A denunciarlo il deputato di Forza Italia Roberto Novelli, protagonista diretto della mancata osservanza delle disposizioni. “Giovedì 3 settembre: dopo tre giorni di lavori in commissione Affari sociali dedicati alla conversione in legge proprio del decreto green pass, raggiungo Fiumicino per imbarcarmi sul volo Alitalia Roma-Trieste delle 21:35.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Una rapida occhiata allo smartphone e via libera”

All’imbarco – racconta Novelli – ordinario controllo del biglietto e del documento e la richiesta di esibizione della certificazione verde. La mostro, convinto che l’addetto la controlli tramite l’applicazione (Verifica C19) scaricata e utilizzata da ristoratori, gestori di bar, addetti di musei, parchi divertimento e tutti gli altri operatori tenuti a farlo. Convinzione sbagliata: una rapida occhiata allo smartphone e via libera.

“Una condotta ingiustificata e dannosa”

Alla domanda sulle ragioni della mancata verifica, il personale mi risponde candidamente che non hanno gli strumenti per la scannerizzazione del codice. Lo stesso avviene al momento dell’ingresso sull’aereo: controllo del biglietto e veloce scorsa al green pass, senza alcun controllo sulla validità della certificazione. Una condotta ingiustificata, poiché basterebbe scaricare una app, e dannosa, perché rischia di rendere vano l’impegno dei tantissimi italiani che rispettano le norme sul green pass”, insiste Novelli.

“Il Ministero faccia chiarezza”

“Questo è quanto accade a Fiumicino ma ad esempio non all’aeroporto di Trieste, dove il personale rispetta tutte le prescrizioni. Purtroppo sappiamo che stanno girando certificati contraffatti: incredibile che in uno dei principali scali nazionali, frequentato da decine di migliaia di passeggeri ogni giorno, si violino norme facilmente applicabili. Il Ministero faccia chiarezza”, conclude Novelli. (Com/Pol/ Dire) 

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo