Pubblicato il

Certificazione Unica 2024, cos’è e quando è obbligatoria

di AdnKronos
Vuoi la tua pubblicità qui?

(Adnkronos) – La Certificazione Unica è un documento fondamentale per la presentazione della dichiarazione dei redditi. Questo documento attesta i redditi derivati dal lavoro dipendente, autonomo e assimilati. I soggetti obbligati al suo rilascio sono diversi e dipendono dal tipo di attività svolta.  I datori di lavoro sono obbligati a rilasciare la Certificazione Unica a tutti i lavoratori dipendenti. Questo documento attesta i redditi erogati e le ritenute effettuate durante l'anno. Questi utilizzano il modello sintetico per il rilascio della Certificazione Unica ai lavoratori, da inviare entro il 16 marzo dell'anno successivo. Per i pensionati, invece, la Certificazione Unica viene rilasciata dall'ente previdenziale competente, come l'INPS. Il documento attesta i redditi da pensione e le ritenute effettuate durante l'anno. Ancora, i lavoratori autonomi devono redigere la Certificazione Unica se hanno la Partita IVA in regime ordinario o se hanno una società di persone, di capitali o un'associazione senza scopo di lucro. Questo documento attesta i compensi e le ritenute pagate ai fornitori o collaboratori. Anche in questo caso, deve essere inviata entro il 16 marzo dell'anno successivo. Le partite IVA in regime forfettario devono comunque redigere e inviare la Certificazione Unica, anche se non devono versare ritenute d'acconto. Questo documento attesta i compensi pagati ai fornitori senza l'applicazione di ritenute. Altri soggetti obbligati al rilascio della Certificazione Unica sono le persone fisiche che esercitano arti, professioni, attività commerciali o artigianali in contabilità semplificata, aziende familiari, condomini, società di capitali e di persone residenti nel territorio dello Stato, enti commerciali equiparati alle società di capitali, enti non commerciali e amministrazioni dello Stato.  Sono tenuti al rilascio della CU anche coloro che esercitano attività di intermediazione immobiliare (o che gestiscono un portale telematico) per gli affitti brevi: la Certificazione deve essere rilasciata al proprietario dell’immobile locato e deve riportare tutti i corrispettivi derivanti dai contratti di locazioni brevi. —[email protected] (Web Info)

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?